AI RESPONSABILI DEI PARTITI POLITICI NAZIONALI

AI RESPONSABILI DEI PARTITI POLITICI NAZIONALI AI CANDIDATI A “PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI” La gravità della situazione calabrese, la crisi economica e sociale, l’intreccio criminale tra politica, amministrazione e malaffare confermato da inchieste giudiziarie e da relazioni straordinarie da parte di Prefetti dello Stato, nominati ad hoc, la presenza in Consiglio Regionale di un alto numero di rappresentanti riguardati da avvisi di garanzia o da altri procedimenti della Magistratura, la tragedia della disoccupazione più alta d’Europa, la migrazione di migliaia di giovani laureati e diplomati verso le regioni del centro e del nord del Paese, la drammatica emergenza sanitaria, essa stessa riguardata da un provvedimento di commissariamento, l’azione oppressiva che soffoca la libertà d’impresa da parte delle organizzazioni mafiose e ‘ndranghetiste, rappresentano solo alcune delle questioni drammatiche che attanagliano la Regione Calabria, alle quali occorre, fin da subito, dare risposte concrete da parte di chi si candida a rappresentare ed a guidare il Paese. Occorre una forte responsabilità politica giustificata dal gravissimo momento storico che la Calabria attraversa. A pochi giorni dalle Elezioni Politiche, nel vivo della scelta dei candidati che dovranno rappresentare i calabresi nel Parlamento Italiano, i sottoscrittori di questo appello CHIEDONOai Responsabili dei Partiti italiani, di sinistra, di centro e di destra, ed ai candidati a “Presidente del Consiglio dei Ministri”, che siano adottate scelte inequivoche e nette di moralità e di trasparenza nella composizione delle liste e nella individuazione, in particolare, dei candidati da allocare nelle prime postazione delle stesse, nel rispetto dei criteri che seguono, oggetto da tempo di forte condivisione in tutta la società civile:a) Candidature di cittadini che non siano riguardati da comunicazioni giudiziarie, misure cautelari, ovvero sentenze di condanna&#59b) Candidature di cittadini di comprovata etica pubblica&#59c) Rispetto della Democrazia Paritaria con la garanzia della presenza nelle liste elettorali del 50&#37 di Donne in posizione alternata&#59d) Ricambio Generazionale del ceto politico mediante la presenza significativa di candidature Giovani in posizione utile per essere eletti&#59e) Rappresentatività dei territori&#59f) Rinnovamento della rappresentanza politica attraverso la limitazione delle candidatura a due mandati parlamentari&#59 Nell’auspicio e con la speranza che tale invito possa servire a restituire etica, trasparenza e qualità rappresentativa alla politica, con l’impegno di continuare a svolgere una funzione di coscienza collettiva. Cosenza, 28 Febbraio 2008Silvio Gambino, Professore Università della CalabriaVera La Monica, Segretario Regionale CGIL CalabriaLuigi Sbarra, Segretario Regionale CISL CalabriaRoberto Castagna, Segretario Regionale UIL CalabriaParide Leporace, GiornalistaAntonlivio Perfetti, Giornalista Renate Siebert, Professoressa Università della CalabriaPino Iacino, SocialistaGiovanni Serra, Imprenditore SocialeGianni Speranza, Sindaco di LameziaMassimo Covello, Segretario CIGL CalabriaAnna Falcone, Professoressa Università della CalabriaWalter Nocito, Professore Università della CalabriaGiorgio Durante, Associazione “Calabria Libre”Vincenzo Altomare, Associazione “Sentiero non violento”Antonio Palermo, Associazione “Bella Ciao”