Appello al CSM

Ecc.mi membri del Consiglio Superiore della Magistratura,avendo potuto accedere agli atti dell&acute&#59inchiesta “Toghe Lucane”, ho avuto modo di constatare come le numerose istanze di giustizia e segnalazioni di gravi abusi, anomalie e incompatibilità ascrivibili a magistrati del distretto giudiziario di Matera siano state da Codesto Spettabile Consiglio ampiamente mortificate, oserei dire disprezzate e vilipese. Codesto Consiglio, unitamente ai massimi organismi preposti all&acute&#59amministrazione, alla gestione ed alla vigilanza sulla magistratura italiana, nulla ha inteso porre in essere per accertare quanto di grave (gravissimo) veniva segnalato e persino denunciato.Il paradosso, perché tale può essere pacificamente definito, è che le Vostre Eccellenze, come massimo interessamento, chiedevano informazioni proprio alle Procure ed ai Magistrati indicati quali responsabili delle violazioni supposte e segnalate.Ben diverso, come ben sapete, è stato l&acute&#59atteggiamento giacobino e vergognosamente illiberale riservato al Dr. Luigi De Magistris per cui Codesto Consiglio si è reso protagonista di una delle pagine più nere nell&acute&#59amministrazione della giustizia in Italia.Tanto si può affermare, nonostante l&acute&#59estrema gravità, senza tema di smentite o reazioni, essendo ormai accertato in sede giudiziaria (Proc. Salerno) che la delegittimazione del coraggioso magistrato catanzarese obbediva ad un piano delittuoso posto in essere dal nobilato politico&#45giudiziario (altrimenti detto “casta”) che opprime l&acute&#59Italia credendola terreno di privata proprietà.Allego al presente messaggio di posta elettronica, l&acute&#59ultimo numero del settimanale “Il Resto” di cui mi onoro essere capo&#45redattore. Leggerete quali e quanti reati vengono contestati ai magistrati in servizio in Lucania. Vi sembra possibile che non si valuti almeno l&acute&#59ipotesi di un loro trasferimento ad altra sede?Sappiano, le Vostre Eccellenze, che continuano le indagini a carico dei componenti la direzione e la redazione del nostro giornale (e con noi a carico di Pasquale Zacheo, Carlo Vulpio, Gianloreto Carbone). Siamo indagati per associazione per delinquere finalizzata alla diffamazione a mezzo stampa ed io personalmente per violenza privata. Vi saremmo grati se, in un momento di riscossa del senso di giustizia che certamente alberga anche in Voi, come in tutti gli uomini, Vi adoperaste affinchè potessimo rispondere di queste accuse davanti al giudice terzo come si conviene in un Paese civile. La diffamazione sarebbe avvenuta nel settembre 2006, bastano due anni per concludere le indagini preliminari su un reato che tecnicamente (ci siegano gli avvocati) si dice “istantaneo”? Bastano 16 mesi di intercettazioni telefoniche sulle utenze dei giornalisti?Coraggio, Ecc.mi Consiglieri, fate quello per cui lo Stato Italiano Vi paga lautamente&#59 dimostrate di avere quella autonomia costituzionalmente garantita che, diversamente, a breve Vi verrà sottratta definitivamente. Se non l&acute&#59onore, ormai perduto, sia almeno l&acute&#59amor proprio a consigliarVi.La Vostra maggiore responsabilità, sono convinto ne siate coscienti, è quella di difendere l&acute&#59autonomia della magistratura. Quella stessa autonomia che avete messo in forte pericolo asservendo la Vostra alta funzione agli interessi specifici di qualche signorotto della “casta” dominante e, forse, incominciate a rendervi conto che non si può essere servi a metà.Attendendo fattive azioni e concrete determinazioni, porgo i miei Deferenti Ossequi alle istituzioni repubblicane che rappresentate.Nicola Piccenna