Archiviazione delle accuse contro de Magistris

L&acute&#59archiviazione delle accuse a de Magistris“I penetranti accertamenti, anche oggettivamente invasivi della propria sfera di libertà a cui il dottor de Magistris è stato sottoposto, costituiscono il più rassicurante supporto per fondare il giudizio della sua estraneità ai fatti contestati”.E’ in queste righe il “succo” del decreto emesso lo scorso 27 aprile dal giudice per le indagini preliminari di Salerno, Maria Teresa Belmonte, con cui è stato archiviato il procedimento penale a carico di Luigi de Magistris, già sostituto procuratore della Repubblica di Catanzaro, oltre che per diversi giornalisti ed agenti di polizia giudiziaria, inizialmente indagati per calunnia, abuso d’ufficio e rivelazione di segreto d’ufficio.“Deve essere disposta, rigettate le opposizioni delle persone offese, la archiviazione del procedimento nei confronti di tutti gli indagati in relazione ai reati a loro rispettivamente ascritti –scrive il giudice nel dettagliato provvedimento di 150 pagine &#45, non essendo emersa la commissione del reato di abuso di ufficio, in alcuna delle ipotesi prospettate in denuncia, né potendosi ricondurre al dr. de Magistris le rivelazioni di notizie coperte da segreto istruttorio, in tal senso inducendo in modo univoco le concordi dichiarazioni rese da tutti i giornalisti, dagli appartenenti alle forze dell’ordine e dai magistrati che con il suddetto magistrato ebbero occasione di lavorare, i quali ne hanno attestato la correttezza istituzionale e la riservatezza investigativa, così come non sono emersi elementi concreti per ritenere i giornalisti concorrenti morali nel reato”. Un provvedimento, questo, giunto a circa un anno di distanza dalla richiesta di archiviazione presentata dalla Procura di Salerno alla fine dello scorso maggio, e dopo ben 8 udienze che si sono tenute davanti allo stesso gip Belmonte, per via dell’opposizione all’archiviazione promossa da Felicia Genovese, già pm a Potenza, suo marito Michele Cannizzaro, e Vincenzo Tufano, procuratore generale di Potenza, indagati nell’inchiesta “Toghe Lucane”, condotta da de Magistris. E quella richiesta di archiviazione era a sua volta giunta dopo quasi un anno di indagini serrate, condotte a trecentosessanta gradi dalla Procura di Salerno, per controllare e verificare l’operato di de Magistris “in lungo e in largo”.E’ proprio il gip a descrivere come assolutamente scrupoloso e completo l’operato della Procura campana che, nella persona del sostituto procuratore Gabriella Nuzzi, ha svolto ogni attività possibile per un’analisi profonda e completa del modo di lavorare di Luigi de Magistris. Il giudice parla infatti di “approfondite indagini svolte dalla Procura di Salerno che, conviene ricordarlo, ha sentito moltissimi magistrati, esponenti di ogni grado delle Forze dell’Ordine, personale di cancelleria, decine di giornalisti, moltissime altre persone informate sui fatti, ha acquisito tabulati telefonici incrociandone i dati emergenti, anche con controlli sulle celle, ha esaminato intercettazioni, esiti di attività investigative (perquisizioni, sequestri, consulenze) svolte in procedimenti trasmessi da altre aa.gg.”, senza contare che nel corso dei mesi de Magistris è stato finanche intercettato nell’ambito di un’attività della Procura di Matera. Ebbene, sottolinea il giudice: “…proprio le intercettazioni consentono di escludere che il dottor de Magistris abbia mai rivelato, anticipatamente, i propri provvedimenti o le attività che intendeva compiere, mai essendo stata registrata una condotta del genere”. Piuttosto, è stato ancora una volta messo in rilievo come le numerose attività di denuncia, realizzate a vari livelli ed in vari ambiti nei confronti di de Magistris, ben si siano conciliate con il preciso obiettivo di ostacolare il magistrato, e di promuoverne l’allontanamento dal suo ufficio, cosa che poi si è effettivamente verificata poiché intanto, a seguito di procedimento disciplinare, l’ex pm è stato trasferito di sede e di funzioni dal Consiglio superiore della magistratura. Tanto si leggeva già nell’ampia richiesta di archiviazione, in cui la Procura di Salerno ha concluso per la «insussistenza di illegittimità sostanziali e/o procedurali penalmente rilevanti ovvero di condotte abusive addebitabili nell’esercizio delle funzioni giudiziarie del De Magistris». Nell’atto, anzi, è scritto che «il contesto giudiziario in cui si è trovato ad operare il pm Luigi De Magistris negli anni della sua permanenza a Catanzaro appare connotato da un’allarmante commistione di ruoli e fortemente condizionato dal perseguimento di interessi extragiurisdizionali, anche di illecita natura». Il pm afferma che in quel contesto si colloca «la pressante attività di interferenza alle indagini posta in essere dai vertici della Procura della Repubblica di Catanzaro, e resasi sempre più manifesta con il progressivo intensificarsi delle investigazioni da parte del pm De Magistris. Alle continue ingerenze sull’attività inquirente è risultata connessa, secondo una singolare cadenza cronologica, la trasmissione di continue denunce e segnalazioni agli organi disciplinari ed alla Procura di Salerno».Tale «difficile contesto ambientale» in cui Luigi De Magistris ha operato era stato «reiteratamente denunciato dal pm nelle sedi istituzionali» &#45 ricorda la Procura campana &#45 come anche le «pressioni ed interferenze subite a causa dell’oggetto delle sue inchieste», e le «iniziative adottate per determinarne il definitivo allontanamento dalla sede di Catanzaro e l’esautorazione dei poteri inquirenti».«Mi sono difeso, in questi mesi, da esposti e denunce ingiusti ed infondati, esprimendo sempre massima fiducia nella magistratura di Salerno, competente per legge» disse de Magistris commentando la notizia relativa alla richiesta di archiviazione avanzata nei suoi riguardi. «Ho anche rappresentato – dichiarò &#45 molteplici fatti sempre nelle sedi istituzionali ed in primo luogo all’autorità giudiziaria di Salerno, per contribuire doverosamente, da magistrato, ad evidenziare l’attività di ostacolo posta in essere ai miei danni ed alle funzioni che ho cercato di svolgere nell’esclusivo interesse della giustizia». Da quelle sue denunce, e da quanto emerso dai precedenti accertamenti a suo carico, sono nate nuove indagini, che hanno coinvolto, tra gli altri, sette magistrati in servizio a Catanzaro all’epoca dei fatti contestati, in cui si procede complessivamente per diversi casi di concorso in corruzione in atti giudiziari, concorso in omissione di atti d’ufficio, concorso in abuso d’ufficio, favoreggiamento, e falso ideologico, calunnia e diffamazione a danno di Luigi de Magistris.Ciò che nessuno poteva immaginare è che, non molto dopo che tale ultima inchiesta è venuta alla ribalta delle cronache, il Csm ne ha “rimosso” i magistrati titolari disponendo, a seguito di ulteriori procedimenti disciplinari, la sospensione dalle funzioni e dallo stipendio del procuratore capo di Salerno, Luigi Apicella, ed il trasferimento di sede e di funzioni dei suoi sostituti Gabriella Nuzzi e Dionigio Verasani. Era il 19 gennaio 2009. Adesso, dopo quasi 4 mesi, l’autorità giudiziaria conferma che Luigi de Magistris “agì perseguendo il solo obiettivo dell’accertamento della verità”, ma nel frattempo sia lui che gli altri tre colleghi che indagavano sulle sue vicende hanno perso il posto. L’ORIGINE DEL PROCEDIMENTOIl giudice Belmonte, nel proprio decreto, ripercorre le tappe del lungo e delicato procedimento, ricordando che “la Procura della Repubblica di Salerno, fin dai primi mesi dell’anno 2007, ha ricevuto numerosi esposti, denunce, querele da parte di soggetti coinvolti, a vario titolo, nell’inchiesta denominata “Toghe Lucane”, condotta a Catanzaro dal P.M. dr. Luigi de Magistris. I denuncianti lamentavano, di volta in volta, violazioni di legge da parte del dr. de Magistris, integranti ipotesi di abuso di ufficio, ma, soprattutto, la sistematica pubblicazione su giornali a tiratura locale e nazionale, di notizie attinenti allo sviluppo delle indagini coperte ancora dal segreto investigativo, ipotizzando che la fonte informativa dei giornalisti fosse riconducibile, proprio, al predetto magistrato del P.M., titolare delle indagini. Oggetto del procedimento n. 3120/07, sono, dunque, plurime ipotesi di abuso di ufficio, rivelazione di segreto di ufficio continuato e in concorso, contestate, rispettivamente, al dr. de Magistris, quale titolare dell’inchiesta c.d. Toghe Lucane , ed a numerosi giornalisti autori delle pubblicazioni. E’ altresì contestato al dr. De Magistris il reato di omissione di atti di ufficio, per la mancata iscrizione, nel rgnr del nominativo di Panio Giuseppe denunciato dalla dottoressa Genovese per il reato di calunnia”.Una raffica di denunce incrociate, dunque, avevano generato &#45 ed è un vero record quello raggiunto dal magistrato napoletano &#45 ben 70 procedimenti giudiziari avviati dalla Procura della Repubblica di Salerno, competente a indagare.“Costituisce fatto notorio – scrive ancora il gip &#45 la circostanza che il dr. de Magistris fosse anche titolare, presso la Procura della Repubblica di Catanzaro, oltre che del suddetto procedimento, c.d. Toghe Lucane, anche di altri due fascicoli relativi a due inchieste, denominate “Poseidone” e “Why Not”, che, come il primo, per il coinvolgimento di personaggi della politica, della imprenditoria e delle istituzioni locali e nazionali, sono stati (e sono ancora) all’attenzione delle cronache giornalistiche, anche a cagione delle interrogazioni, interpellanze ed ispezioni ministeriali di cui il suddetto magistrato è stato fatto oggetto&#59 poi venendo sottoposto, all’esito delle verifiche ispettive, a procedimento disciplinare”.Non a caso i primi “guai seri” in cui de Magistris incappa, cominciano proprio dal 2005, quando “Poseidone” ha ormai preso corpo. Ma “le inchieste disciplinari di cui era stato fatto oggetto il dottor De Magistris, a cominciare dall’anno 2005 – ricorda il giudice &#45, sempre sollecitate da interventi di parlamentari che ripetutamente nel corso degli anni si sono interessati delle inchieste del magistrato catanzarese, si erano sempre concluse favorevolmente al dott. De Magistris”. “Nel 2007, invece – sottolinea il gip &#45, l’attività ispettiva a suo carico, sollecitata da più parti, dai vertici della Procura Catanzarese, dalle segnalazioni dei colleghi indagati nel procedimento Toghe Lucane, da magistrati della Procura di Matera, avevano portato ai rilievi ispettivi di cui alla relazione a firma del dr. Mantelli del settembre 2007 e, poi, alla condanna da parte del Consiglio Superiore con la sentenza del 19.1.2008. Secondo la ricostruzione della Procura salernitana, non sono estranei all’esito di tali ultime attività disciplinari i rapporti di alcuni magistrati coinvolti nell’inchiesta Toghe Lucane con rappresentanti dell’Ufficio dell’Ispettorato, con esponenti della magistratura associata e dello stesso Consiglio Superiore della Magistratura”.Ed infatti “con riferimento alle vicende che hanno riguardato il procedimento Toghe Lucane, il P.M. osserva, &#45 richiamato e valutato il compendio investigativo oggetto del procedimento, nel quale si faceva riferimento, quale tema di indagine, ad un comitato di affari che, attraverso ramificazioni nei settori dell’avvocatura, della pubblica amministrazione, ivi comprese la magistratura e la sanità, dominava l’intera Regione Basilicata &#45 che anche in tale procedimento siano state attuate a danno del Dr. de Magistris manovre di delegittimazione, anche attraverso anomale interferenze investigative da parte degli uffici giudiziari lucani &#45 sulla base di strumentali denunce/querele di indagati nel procedimento Toghe Lucane, attraverso le quali si giungeva anche ad attivare servizi di intercettazione che finivano per attingere anche il dottor de Magistris, e cioè lo stesso P.M. inquirente che stava indagando proprio su di loro”.Una strategia di delegittimazione molto ampia, secondo quanto appurato dai pm di Salerno.“La tesi dell’Ufficio della Procura della Repubblica – scrive la Belmonte &#45 è che l’atteggiamento delegittimatorio abbia attinto il dr. de Magistris, che presso la Procura di Catanzaro si è trovato ad operare in un clima difficilissimo nel quale gli stessi vertici dell’Ufficio Inquirente &#45 coloro ai quali, cioè, è affidato dall’ordinamento il controllo di legalità sul territorio &#45 mantenevano relazioni, intessute anche di cointeressenze economiche, con persone &#45 anche esponenti politici &#45 coinvolti anche in delicatissime indagini, ivi comprese quelle curate dal dr. De Magistris, nell’ambito dei procedimenti Poseidone, Why Not, non avendo essi magistrati disdegnato neanche di esporsi in loro compagnia nel corso di pubbliche assemblee di stampo prettamente politico”.“Il riferimento è al Procuratore della Repubblica dr. Lombardi ed al Procuratore Aggiunto dr. Salvatore Murone, il primo autore della revoca della delega in favore del dr. De Magistris nell’ambito del procedimento Poseidone, e il secondo ispiratore dell’avocazione del procedimento Why Not. Entrambe le iniziative, apparentemente legittime, dei due vertici dell’ufficio Inquirente catanzarese, sarebbero state, invece, ispirate, secondo la ricostruzione della Procura di Salerno, da ragioni estranee al corretto esercizio delle funzioni direttive loro attribuite. Invero – ricostruisce il giudice nel decreto di archiviazione &#45, era accaduto che il 29.3.2007 il dr. Lombardi avesse revocato la delega al dr. De Magistris nell’ambito del procedimento Poseidone, poi astenendosi immediatamente dopo adducendo ventennali rapporti di amicizia con uno degli indagati di quel procedimento, Giancarlo Pittelli, avvocato e Senatore della Repubblica. In realtà i legami erano ben più radicati, con coinvolgimenti in attività di natura imprenditoriale del senatore/indagato da parte di familiari del suddetto Procuratore Capo, tali da imporne ab initio la astensione, e da indurre fondatamente, sulla base delle risultanze investigative di cui il P.M. ha dato ampia ricostruzione nella propria richiesta, a ritenere che egli possa essere stato l’autore di una gravissima violazione del segreto istruttorio. Risulta, infatti, che il suddetto avvocato/senatore fosse a conoscenza, prima della sua esecuzione, di una perquisizione disposta, nell’ambito del procedimento c.d. Poseidone, dal dr. De Magistris, a carico, tra gli altri, di uno degli indagati, il dr. Chiaravalloti, (ex magistrato che aveva ricoperto negli uffici giudiziari della Calabria ruoli di vertice, quale Avvocato Generale e Procuratore Generale, poi, in politica, avendo presieduto la Giunta Regionale della Calabria) a quel tempo assistito proprio dall’avvocato amico del Procuratore, quest’ultimo essendo co&#45delegato al procedimento&#59 e, dopo la denuncia del dr. De Magistris, i riscontri provenienti dalle dichiarazioni di persone informate sui fatti, tra cui giornalisti, magistrati ed esponenti delle Forze dell’ordine, indirizzano nel senso che la notizia dell’imminente atto investigativo possa essere stata anticipata all’avvocato/senatore proprio dal Vertice della Procura a cui il sostituto co&#45delegato, il dottor de Magistris, aveva fornito copia del provvedimento”.“Sono sempre magistrati all’epoca in servizio presso la Procura di Catanzaro – prosegue il giudice &#45, molti di loro sentiti durante le indagini, a descrivere il clima “di sospetto” che si instaurò presso quell’ufficio a seguito dell’insediamento, nell’estate 2005, quale procuratore aggiunto, del dr. Salvatore Murone. Invero, essi hanno riferito come nella gestione dell’Ufficio da lui diretto il Procuratore Lombardi &#45 che si interessava poco dell’andamento delle indagini dei propri sostituti, salva l’occasione in cui esse coinvolsero l’avv. Pittelli &#45, aveva sempre conferito, di fatto, ampia delega all’Aggiunto, prima al dottor Spagnuolo (che aveva, però, mantenuto un clima sereno nell’ufficio) e, poi, appunto, al dr. Murone. Questi, imponendo una gestione sostanzialmente più autoritaria e verticistica dell’ufficio, si era attirato le critiche dei colleghi che avevano espresso il proprio dissenso anche con note scritte. Ottimi, invece, erano i rapporti tra i sostituti, ivi compreso quelli del e col dottor De Magistris, almeno fino all’estate del 2007. Invero &#45 osserva il P.M. &#45 erano di pubblico dominio i rapporti di abituale frequentazione e anche di comunanza politica dei dottori Murone e Lombardi con il senatore avvocato Giancarlo Pittelli &#45 anche attestati da frequentazioni pubbliche e partecipazioni a consessi di natura politica, nonchè i rapporti con altro avocato, il senatore Nicola Emilio Buccicio, già componente laico del C.S.M., che aveva fortemente propugnato ed ottenuto la nomina del dr. Murone a Procuratore Aggiunto a Catanzaro (che era, in quell’occasione, prevalso sull’altro candidato, il dr. Garbati), e ciò, nonostante, all’esito di pregresse attività ispettive, l’Ufficio Ministeriale avesse segnalato la sussistenza di profili di incompatibilità ambientale del dr. Murone a svolgere le funzioni giudiziarie in ambito Lametino (area geografica di cui era nativo e rientrante nella competenza distrettuale della Procura di Catanzaro). Il P.M. teneva anche ad evidenziare che tutte le interrogazioni parlamentari di cui fu oggetto il dr. De Magistris in ragione delle inchieste da lui condotte, avevano come comune denominatore il coinvolgimento del dr. Chiaravalloti, più volte indagato nei procedimenti del dr. De Magistris&#59 anche il dr. Chiaravalloti era difeso dall’avvocato Pittelli”.“Notori ed attestati da plurime fonti dichiarative, compresi molti magistrati operanti nel distretto di Catanzaro – infine &#45, i rapporti tra il dr. Murone ed il Procuratore Generale f.f. dr. Dolcino Favi, che si rese autore della avocazione del procedimento Why Not nell’autunno del 2007”. Era, per la precisione, il 19 ottobre del 2007 e, con il pm de Magistris fuori sede, e volutamente tenuto all’oscuro di ciò che stava accadendo, i suoi armadi blindati furono aperti ed i fascicoli di “Why not” prelevati.“Come detto – continua dunque il giudice &#45, la Procura di Salerno, sulla base dei risultati delle indagini, e in particolare in ragione delle dichiarazioni rese da alcuni magistrati del distretto di Catanzaro, tra cui alcuni di coloro che furono poi delegati all’inchiesta, dopo la avocazione, considera il dr. Murone l’ispiratore della suddetta avocazione, finalizzata sostanzialmente a sottrarre l’inchiesta al dr. de Magistris, al fine di conseguirne, ab externo, il controllo delle indagini, attraverso i successivi magistrati delegati, alcuni dei quali da lui personalmente scelti, e comunque avendo condizionato la scelta dello stesso P.G, cui era legato da vincoli amicali&#59 e ciò in ragione di acclarati rapporti, non solo amicali, del suddetto magistrato con alcuni indagati nel procedimento, tra cui il dr. Saladino e l’avvocato Pittelli, a cui era notoriamente legato da anni”.STAMPA E FUGHE DI NOTIZIE“Il P.M. procedente – precisa il gip nel decreto di archiviazione per de Magistris e diversi giornalisti &#45, nell’escludere la responsabilità del dr. De Magistris nelle fughe di notizie che accompagnarono molte attività investigative da lui seguite, e che riguardarono non solo il procedimento Toghe Lucane, considera che da esse il dr. De Magistris non ricavò alcun giovamento, atteso che in alcuni casi si rivelarono pregiudizievoli per le indagini, come quando il 17.6.2007, il quotidiano Calabria Ora, attraverso un articolo di Paolo Pollichieni, pubblicò la notizia della perquisizione c.d. San Marino, eseguita il giorno successivo nell’ambito del proc. Why Not. La perquisizione del giorno seguente, infatti, ebbe un esito pressocchè negativo”.“Ritiene, invece, il P.M. – si legge ancora nel provvedimento &#45 che anche le fughe di notizie rientrassero nel più ampio disegno di delegittimazione del dr. de Magistris messo in atto da un certo momento in poi al fine di determinare, attraverso tali strumentali condotte, apparentemente riconducibili allo stesso magistrato inquirente, iniziative disciplinari finalizzate a radicarne la incompatibilità ambientale che ne producesse, come avvenuto, l’allontanamento dalla Procura di Catanzaro. Tra i soggetti interessati a conseguire tale risultato, secondo il P.M., vi era, appunto, l’avvocato Pittelli, indagato nel procedimento Poseidone e poi in Why Not, dal dr. de Magistris, e difensore di molti degli indagati “eccellenti” delle inchieste condotte dal dottor De Magistris. Anche nell’ambito del procedimento Toghe Lucane, tra i magistrati coinvolti nella indagine, egli assiste alcuni indagati, la dottoressa Granese e i coniugi Cannizzaro/Genovese, la quale ultima, attraverso il suddetto difensore, aveva chiesto al dr. Lombardi, in occasione dell’interrogatorio fissato per il 31.3.2007, che l’atto fosse raccolto, appunto, dal Procuratore della Repubblica, sebbene, proprio il giorno 29.3.2007, il suddetto magistrato avesse presentato dichiarazione di astensione nell’ambito del procedimento Poseidone, in ragione dei suoi rapporti con l’avvocato Pittelli”. Il giudice, nel decreto ricorda un altro passaggio fondamentale della ricostruzione della Procura campana, secondo cui “nella magistratura calabrese mostrava insofferenza alle indagini del dottor De Magistris, che egli conduceva senza riguardi anche nei confronti degli esponenti delle più alte cariche istituzionali e politiche, anche il Procuratore Generale facente funzioni dr. Dolcino Favi che, nell’ottobre 2007, su segnalazione dell’Aggiunto Salvatore Murone, a seguito della iscrizione nel rgnr del nominativo dell’allora Ministro Guardasigilli &#45 che, poche settimane prima, aveva chiesto al CSM la adozione di provvedimenti disciplinari, anche cautelari nei confronti del dr. De Magistris &#45 adottava un illegittimo provvedimento di avocazione dell’indagine c.d. Why Not, in assenza dei presupposti di legge, non sussistendo, contrariamente a quanto affermato nel provvedimento, il dovere di astensione da parte del dr. De Magistris in ragione delle indagini che aveva in corso a carico dei Ministro Guardasigilli, nei cui confronti erano emerse notizie di reato, fondanti la iscrizione, già prima di tali iniziative. Al contrario doveva ritenersi che anche le iniziative disciplinari fossero in realtà finalizzate ad estromettere il dr. de Magistris da inchieste che vedevano coinvolti esponenti della politica, della imprenditoria, della stessa magistratura, con coinvolgimenti anche di esponenti della massoneria e dei servizi segreti”.Ed a tali “iniziative disciplinari” il gip dedica un apposito riferimento quando ricorda che “proprio nelle vicende che, sotto più profili, hanno coinvolto il dr. de Magistris, più volte i procedimenti penali siano stati attraversati da paralleli, e molto più celeri, procedimenti disciplinari. Ne è derivato, in più occasioni, il trasferimento di ufficio di numerosi magistrati, allontanati nel mentre si stavano occupando di inchieste complesse e delicate, con conseguenze inevitabili sugli indirizzi investigativi, tra le difficoltà che sempre accompagnano il mutamento del magistrato in itinere”.E non solo, “… invero – aggiunge la Belmonte &#45, numerosissimi sono stati, come si è anticipato in apertura della presente disamina, denunce/querele/ esposti e note di varia natura diretti sia alla magistratura che agli organi ispettivi e disciplinari, con la conseguenza di un fortissimo appesantimento delle procedure che tali iniziative hanno prodotto. Tale contesto, dunque, ha fatto emergere una pluralità di situazioni di possibile conflitto dando luogo, anche, per tornare alla vicenda che ci impegna, alla diffidenza degli odierni opponenti, i quali, come si ricorda, hanno anche sospettato della serenità dell’intero ufficio giudicante salernitano”. Ed infatti, nel corso del procedimento in camera di consiglio per discutere dell’opposizione alla richiesta di archiviazione, la Genovese e suo marito Cannizzaro avevano chiesto la rimessione del processo ad altra sede per il legittimo sospetto che, anche e soprattutto per il clamore mediatico che hanno accompagnato le vicende oggetto delle inchieste di de Magistris, il gip di Salerno non fosse nelle necessarie condizioni di serenità per decidere. Il giudice Belmonte, pur rimettendo alla Corte di cassazione “la valutazione per ogni profilo”, ha ritenuto che la richiesta di rimessione presentasse plurimi profili di inammissibilità. “Merita osservare – sottolineava il gip in un’apposita ordinanza &#45 nel doveroso rispetto dell’indipendenza ed autonomia delle diverse istituzioni, che la pressione esercitata da ispezioni reiterate, interpellanze, audizioni, convocazioni, interventi autoritativi, finalizzati ad imporre ordinarietà o normalità non meglio precisate negli uffici giudiziari, e dall’amplificazione mediatica loro riservata, potrebbe essere considerata idonea a minare la imparzialità, l’autonomia, l’indipendenza e, infine, il corretto esercizio della giurisdizione in ogni magistrato della Repubblica, dal quale, tuttavia, deve attendersi che difenda, facendosene portatore, i suddetti valori, propri della giurisdizione, anche in siffatti contesti”. “La natura delle indagini – scriveva ancora la Belmonte nell’ordinanza, riferendosi a quanto accaduto a seguito delle inchieste di de Magistris &#45 il loro oggetto, i soggetti coinvolti nelle inchieste… la gravità intrinseca ed allarmante delle condotte corruttive ipotizzate, imponevano ed impongono ogni possibile ed accurata indagine… Questa, d’altro canto, è la finalità del processo penale, ma il rito –concludeva criticamente il gip &#45 è risultato attraversato, a fonte di meri atti funzionali, dalla reiterata sovrapposizione di procedimenti disciplinari o paradisciplinari, per lo più sollecitati dalle istanze di soggetti estranei alla giurisdizione, ai procedimenti penali in corso”.All’inizio di aprile, poi, la Corte di cassazione ha dato ragione al gip Belmonte, confermando la sua piena legittimazione a decidere sulla richiesta di archiviazione formulata dalla Procura salernitana, e condannando Felicia Genovese al pagamento delle spese di giudizio. I GIORNALISTI “SOTTO INCHIESTA”Il gip di Salerno, nel decreto di archiviazione, non manca di trattare anche il problema della denunciata “gogna mediatica”, e dei “processi paralleli” che i protagonisti delle inchieste hanno lamentato nel corso dei mesi. Non per nulla diversi giornalisti che hanno seguito i casi giudiziari di cui era titolare Luigi de Magistris sono finiti sotto inchiesta ad opera delle Procure di Catanzaro e Matera, che non hanno sottoposto i professionisti a perquisizioni e sequestri, li hanno intercettati, ed hanno contestato loro, in un caso, addirittura “l’associazione a delinquere finalizzata alla diffamazione” di uno degli indagati di Toghe lucane. Solo che, alla fine, quando la Procura di Salerno ha concluso per la richiesta di archiviazione per de Magistris ed i tanti giornalisti coindagati, è venuto fuori che i pm si sono concentrati anche sulla «ipotesi investigativa della indebita strumentalizzazione di attività di indagine coordinate dalle Procure di Matera e di Catanzaro nei confronti di collaboratori di polizia giudiziaria e di giornalisti di cronaca giudiziaria».Oggi, in merito alla problematica della cd “gogna mediatica”, il gip scrive che tale questione “sul piano dei principi, si scontra, con il limite posto dal rispetto della dignità della persona, imponendo la ricerca di un punto di equilibrio tra dritto della stampa ad informare il pubblico ed il diritto delle persone accusate di essere giudicate unicamente sulla base delle emergenze dibattimentali. Il problema è stato affrontato anche dalla Corte europea dei Diritti dell’Uomo, la quale, da un lato, ha ammesso che, in linea di principio, una violenta campagna stampa concernente un caso giudiziario, può nuocere alla equità del processo, poiché è possibile che le valutazioni della stampa minino i fondamentali diritti riconosciuti dalla Convenzione Europea dei Diritti dell’Uomo all’accusato: quello ad una pronuncia proveniente da un giudice imparziale, e quello alla presunzione di innocenza. L’effettiva tutela di tali due diritti delle persone è resa, tuttavia, difficile dall’interesse dei media per le cronache giudiziarie (a cui corrisponde l’interesse del cittadino&#45pubblico ad essere informato), che costituisce manifestazione del dritto alla libertà di espressione, garantito dall’art. 10 della Convenzione. Nel bilanciamento tra tali diritti e libertà, che inevitabilmente si possono trovare in situazione di interferenza e di compressione dell’uno in favore dell’altra, la Corte Europea considera la libertà di espressione come uno degli elementi fondamentali di una democrazia: nella società democratica, infatti, una stampa indipendente svolge, da un lato, un ruolo fondamentale di suggerimento di idee ed opinioni, e dall’altro di “cane da guardia” della democrazia nel senso di operare un controllo sulla gestione delle attività di interesse pubblico. E maggiore è l’interesse, in ragione della importanza politica o sociale del caso giudiziario, tanto più elevato sarà l’interesse dei media, ed ampio il margine di critica che deve essere loro riconosciuto, soprattutto, poi, quando il caso giudiziario attenga a personaggi noti, specie se si tratti di uomo politico che abbia agito nell’ambito delle sue funzioni elettive. Il punto di equilibrio viene individuato nell’esercizio corretto del diritto di cronaca, che si ottiene quando i media si limitino a fornire una indicazione oggettiva delle imputazioni, delle prove raccolte dall’Accusa e delle dichiarazioni delle parti, in modo che siano assicurati anche al personaggio noto i suoi diritti fondamentali come imputato”.In ogni caso, sul punto il giudice ha concluso: “Può affermarsi, che, dalle approfondite indagini svolte dalla Procura di Salerno &#45 che, conviene ricordarlo, ha sentito moltissimi magistrati, esponenti di ogni grado delle Forze dell’Ordine, personale di cancelleria, decine di giornalisti, moltissime altre persone informate sui fatti, ha acquisito tabulati telefonici incrociandone i dati emergenti, anche con controlli sulle celle, ha esaminato intercettazioni, esiti di attività investigative (perquisizioni, sequestri, consulenze) svolte in procedimenti trasmessi da altre aa.gg. &#45 è emerso, in sintesi, che i procedimenti trattati a Catanzaro dal dr. de Magistris hanno attirato l’attenzione fortissima dei mezzi di comunicazione, sia della stampa che delle radio e delle televisioni che hanno puntualmente seguito le inchieste del magistrato, riportandone il contenuto di atti di indagine, per lo più quando essi erano già divenuti conoscibili dagli indagati. In qualche caso, tuttavia, sono stati anticipati sulla stampa atti di indagine ancora segreti, o perché già predisposti dal magistrato inquirente e trasmessi, per conoscenza, ai vertici dell’ufficio e, per l’esecuzione, alla polizia giudiziaria competente, ma non ancora eseguiti, oppure perché ancora non conoscibili agli indagati. Ai fini della attribuibilità soggettiva delle rivelazioni, si è visto come le scrupolose indagini svolte dalla Procura non abbiano consentito di ricondurre al dr. de Magistris condotte oggettive di rivelazione, pur essendo egli stato attinto da attività di intercettazione, nell’ambito dell’inchiesta portata avanti dalla Procura di Matera, e nonostante siano stati sentiti tutti i giornalisti che hanno seguito le sue inchieste e con molti dei quali il magistrato manteneva frequenti contatti telefonici ed anche incontrandoli personalmente. Tali giornalisti, che pure hanno costantemente seguito la cronaca delle inchieste di Catanzaro, come si è visto, hanno chiaramente e fermamente (tutti ad eccezione del Pollichieni che ha insinuato dubbi sulla correttezza del dr de Magistris che, a suo dire, avrebbe privilegiato alcuni giornalisti piuttosto che altri, ma che è stato l’unico, però, a pubblicare in anticipo la notizia della imminente perquisizione c.d. San Marino) escluso di avere ricevuto informazioni riservate dal magistrato, anche attestandone la riservatezza investigativa, con dichiarazioni che trovano conforto anche in esponenti di diverso grado delle Forze dell’ordine, pure loro sentiti in merito. L’oggetto delle inchieste seguite dal magistrato negli ultimi anni della sua permanenza presso la Procura di Catanzaro, per la natura stesse delle inchieste, per i personaggi coinvolti, quasi sempre esponenti della Pubblica Amministrazione, delle Istituzioni di alto livello, della politica anche nazionale, era idoneo a suscitare fortemente l’interesse pubblico e, per esso, dei media, evidentemente non potendo passare inosservata un’indagine che si proponesse di accertare la destinazione dei fondi pubblici, anche provenienti dall’Unione Europea, e diretti finanziare a settori vitali della cosa pubblica, ed alla tutela di beni a fruizione collettiva, come quelli diretti alla tutela dell’ambiente. Così, non poteva essere ignorata dalla stampa un’indagine, nata dalle denunce di privati cittadini che si assumevano lesi nei propri interessi e diritti, che focalizzava l’attenzione sull’esercizio distorto della giurisdizione in un intero distretto giudiziario, in cui venivano prospettati, da cittadini privati, da giornalisti, da amministratori pubblici, ma anche da magistrati ed esponenti delle forze di polizia operanti in quel distretto, intrecci tra le funzioni pubbliche di garanzia a loro attribuite ed aspirazioni e interessi privati, ed anche cointeressenze economiche da parte di taluni magistrati. Sicché l’attenzione dei mezzi di comunicazione, evidentemente concentrata non sulla persona del magistrato, quanto sulle inchieste che egli portava avanti, appariva più che giustificata dalla natura delle indagini, della cui evoluzione legittimamente i cittadini chiedevano di avere conoscenza, naturalmente nell&acute&#59osservanza dei limiti posti dalla legge a tutela del segreto istruttorio”.“Quanto alle indagini finalizzate all’accertamento dei reati di rivelazione di segreto investigativo – scrive infine il gip &#45… ulteriori indagini invasive a carico dei giornalisti, finalizzate all’accertamento delle loro fonti, per le ragioni già ampiamente esposte, sono da considerare inammissibili, tenuto conto che nei loro confronti non risultavano affatto prospettabili neppure elementi per ritenerli moralmente concorrenti nella rivelazione dei segreti… Ed invero, essi hanno già subito penetranti indagini, pur in presenza della tutela, apprestata dagli artt. 200 co 3 , 256, 195 co.6 , 271 c.p.p., alla riservatezza dei giornalisti sulla provenienza delle fonti, tutela riservata al giornalista testimone, e non, come è ovvio, opponibile nel caso in cui egli si trovi a rivestire la posizione di indagato”.