Arrresto docente Unical, la punta di un Icesberg

REGGIO CALABRIA &#45 Costringeva dottorandi e ricercatori a firmare carte false. Li sfruttava per produrre progetti di Sviluppo finanziati dall&acute&#59Europa e dallo Stato. Idee da decine di milioni di euro che finivano nelle tasche delle aziende. Mentre i giovani studiosi incassavano solo poche migliaia di euro, che in parte erano costretti persino restituire al docente. Per questo da ieri Alfonso Nastro, professore ordinario di Pianificazione territoriale dell&acute&#59Università di Cosenza è ufficialmente indagato. Coinvolto secondo gli uomini del Nucleo antifrode dalla Guardia di Finanza di Catanzaro, in una mega truffa che ha portato all&acute&#59arresto di 3 persone, alla notifica di 40 avvisi di garanzia e al sequestro di beni per 70 milioni di euro. Le indagini, avviate nel corso del 2006 su delega della Procura di Reggio Calabria riguardano la “Vecchio prodotti in ceramica srl”, società che avrebbe dovuto operare nel settore della fabbricazione di piastrelle per l&acute&#59edilizia. L&acute&#59attività doveva partire grazie ad un contributo europeo di 26 milioni di euro, finalizzato a un progetto di “ricerca e sviluppo precompetitivo e programma industriale”. Un Pia (Pacchetto integrato agevolazioni innovazione) ideato da ricercatori, dottorandi e studenti dell&acute&#59Unical, guidati dal professor Nastro. Un&acute&#59operazione che in realtà avrebbe fruttato milioni soltanto per gli imprenditori ed i loro complici, visto che la produzione, prevista in uno stabilimento di Candidoni, in provincia di Reggio Calabria, non è mai partita. Nelle carte dell&acute&#59inchiesta si legge di “un sofisticato meccanismo di frode, ideato dai responsabili della società beneficiaria del contributo e dal docente del dipartimento di Pianificazione”. I soci della Vecchio srl fornivano documenti falsi riguardo alla fattibilità del progetto proposto, gonfiavano i costi sostenuti per avviarlo, e manomettevano le date di conclusione del programma di ricerca e di pagamento delle relative spese. Insomma, un castello di carta costruito sul nulla. Il docente universitario, scrivono i magistrati, “avrebbe imposto a diversi studenti e ricercatori la sottoscrizione di documenti non veritieri e, talvolta, estorto parte del compenso da loro percepito”. In buona sostanza dei circa 20 mila euro che dovevano andare ad una decina di giovani studiosi per il lavoro di progettazione svolto, solo 3 o 4 mila venivano percepiti realmente. Cifre che erano decurtate ulteriormente dal professore che pretendeva una tangente, approfittando della posizione predominante nell&acute&#59università. Ora è accusato oltre che di falso e truffa anche di estorsione. Un secondo filone di indagine, condotto per competenza territoriale dalla procura della repubblica di Palmi, ha riguardato la “Tourist residence”, riconducibile alle stesse persone fisiche titolari della “Vecchio prodotti in ceramica”, nonché beneficiaria, ai sensi della legge 488, di un ulteriore contributo pubblico di oltre 5 milioni di euro. In questo caso il denaro era erogato per l&acute&#59ampliamento di una grossa struttura turistico&#45alberghiera &#45 il “villaggio la Pace” &#45 realizzata nel comune di Drapia, a Vibo Valentia. Anche questa una truffa. Agli indagati sono stati sequestrati la struttura nella quale doveva essere avviata la produzione di piastrelle, il villaggio turistico, 67 immobili, quote azionarie e conti correnti, per un valore complessivo di 70 milioni di euro. (17 novembre 2008)