Aspettare secondo me non serve

Volevo innanzitutto ringraziarvi per aver risposto al mio messaggio ma purtroppo devo dissentire sulle vostre cosiderazioni.Se ancora la Calabria e vittima di una serie di situazioni sgradevoli, scomode e penalizzanti, è dovuto prorio al fatto di avere sempre aspettato che lo stato facesse qualcosa.Dobbiamo capire che lo stato appoggia ed è consapevole della situazione, lo stato ha isuoi interessi affinchè la situazione rimanga tale.Lo so, la mia è una teoria strana, ma se lo stato non facesse parte del sistema marcio e deleterio che governa la Calabria, le cose sarebbero cambiate da molto tempo.Purtroppo il torpore dei cittadini , il silenzio, il non agire, il non riberllarsi, ha fatto si che il sistema si strutturasse ed arrivasse ai giorni nostri più vigoroso che mai.Dobbiamo farci sentire, stringere i denti, coinvolgere altra gente, dobbiamo costringere lo stato ad intervenire.Con questo non intendo dire che la cosa sia facile e priva di ostacoli, ma se non obblighiamo lo stato a cambiare, per i calabresi rimarra sempre un pugno di promesse ma mai niente di concreto.Continueremo a vivere nella mela marcia CALABRIA dove l´unica cosa sana sono i cittadini che per portare a casa quattro soldi di stipendio, che tralaltro non viene mai pagato puntualmente, sono costretti a sputare il sangue e pagare le tasse ad uno stato che non c´è e non è mai stato.Un nostalgico emigrante.