Colpirne uno per educarne 100

Colpirne uno per educarne centoE´ talmente conosciuto il sistema di spartizione o di imposizione delle nomine nella pubblica amministrazione che fa scandalo, nelle aule del Parlamento il fatto che un Magistrato abbia applicato la legge, che di fatto la concussione punisce. Il senso di impunità diffusa si è frantumata davanti al coraggio di una Procura che ha osato dire basta a questa scandalosa gestione del potere rappresentativo. Mastella per la verità ha ammesso le sue colpe e tutta la classe dirigente riconosce che il sistema si regge sulla concussione continuata, pertanto tutti colpevoli nessuno colpevole. Certo la procura di SMCV è riuscita a tenere il segreto fino al giorno dell´arresto della signora Mastella altrimenti da via Arenula sarebbero partiti mansueti mastini, attrezzati come al solito e avrebbero iniziato quella forma di demolizione/delegittimazione, portata a termine, fino a questo momento, egregiamente con de Magistris. Ma non tutti i mali vengono per nuocere, lo sfortunato PM partenopeo facendo la lepre ha ingannato i segugi ministeriali e la dinastia Mastella è incespicata a pochi chilometri da Ceppaloni. Il CSM, colto di sorpresa, non poteva non vendicare l’affronto fatto al Ministro campanodemocristiano non fosse altro che il Vice del CSM pure lui è campanodemocristiano, il quale, pare, si fosse già espresso su de Magistris, così la resa dei conti è arrivata. Il messaggio è chiaro, una vera e propria intimidazione, colpirne uno per educarne cento. E’ vero il sistema è questo, ma non si tocca, e così l´orda della Politica potrà continuare ad imperversare sulle italiche terre, il metodo inutile dirlo “barbaro”. Urla di dolore si levano dai centomila firmatari per il giovane PM Napoletano, centomila cittadini calpestati e sacrificati sull´altare dei poteri forti ed autoreferenziati, tutto ciò nel silenzio più assoluto del vecchio Napoletano ai vertici delle istituzioni, non nuovo nel defilarsi colpevolmente da importanti responsabilità. E mentre la democrazia soccombe centomila firmatari, che rappresentano milioni di italiani aspettano con speranza altri 10, 100, 1000 Pm che con coraggio ridiano credibilità alle istituzioni democratiche nel rispetto dei ruoli, della legge e soprattutto della democrazia partecipata.Giorgio Durante Presidente CalabrialibreCalabrialibre aderisce al progetto Rete per la Calabria, per l’etica e la legalitàwww.calabrialibre.itwww.perlacalabria.it