CONVINCERE GLI INDECISI

di Massimo VeltriRicevo un giorno sì e un altro pure segnalazioni e inviti a visionare quell´articolo, quel libro, quel video, quel sito dove se ne leggono e apprendono, di malefatte di Berlusconi!Ora, io non credo che il popolo di centrosinistra convinto, e io faccio parte di questo popolo, possa ricevere ulteriori e più potenti input a votare per Prodi, prendendo visione e coscienza di questo materiale. Si deve lavorare, evidentemente, in maniera diversificata verso gli indecisi da un lato (e non sono pochi), verso chi ha votato per Berlusconi e c. ma che forse s´;è reso conto d´aver fatto un errore dall´altro, ma ancora non è pronto a investire nel centrosinistra. Non si tratta solo di marketing elettorale o di strumenti di comunicazione: c´è anche questo, è chiaro, ma a monte di questo ci dev´essere un ragionamento politico.Perchè tanta brava gente si fa ammaliare dall´uomo di Arcore? Perchè c´è chi ancora crede nelle sirene palesemente bugiarde del Polo? Perchè il centrosinistra non riesce ad essere convincente? Perchè l´Italia è come spaccata in due? La prima e ovvia risposta è che in un sistema libero e democratico la si pensa diversamente, ma non basta, perchè a fronte delle fin troppe nefandezze e inefficienze di questo governo ci sarebbe da aspettarsi – cerco d´;essere e non so quanto ci riesco obiettivo – un´adesione molto alta verso l´Unione. Così non mi pare che sia, posso sbagliarmi, anzi me lo auguro sinceramente. C´è crisi economica, forte, c´è mancanza di punti di riferimento, incertezza per il futuro, coesione sociale flebile… insomma un quadro non entusiastico, dentro il quale Berlusconi pesca a piene mani titillando gl´istinti più egoistici e primordiali. L´Unione crede e punta in valori alti, non in termini ideologici, prospetta soluzioni praticabili eccetera, eppure…C´è molta diffidenza nella politica, unita a troppa dipendenza dalla politica, intesa contemporaneamente come una “cosa sporca” e la panacea di tutti i mali. Una politica laica, invece, un agire distinto e chiaramente percebile in quanto tale aiuterebbe tanto lungo la direzione d´un paese e una popolazione, non dico di più: normali. Siamo ormai alle ultime battute della campagna elettorale: l´Unione vincerà, speriamo con buon margine, speriamo saprà imprimere nelle menti e nei cuori degli italiani le spinte positive che ci vogliono, con scelte sagge, giuste, diverse.