Corbelli allo sbando

L´estemporaneo Corbelli, dopo aver minacciato di candidarsi al senato nella lista Diritti Civili, esiste? e le firme? Ne inventa un´altra delle sue, la provocatoria proposta di Candidare la senato Fedele Bisceglia, aldilà di ogni pregiudizio, questa è un´altra sua trovata per avere visibilità sui media. Dopo la sua autocandidatura nella lista che è composta solo da lui e che per ora ha acquisito la sola adesione del signore sopramenzionato, si dovrà porre il problema di cercare altri 30/40 compagni di viaggio, che mai troverà. Lo stesso Corbelli ha bussato e continua a bussare a tutte le porte sbandierando 15.000 voti, tacendo il suo ultimo vero risultato che lo ridimensionano a circa 1000, e che oggi alla luce della sua attività politica sono ancora meno. Visto che a sinistra le sue proposte provocano imbarazzo, e non solo per la presenza di Bisceglia, allora minaccia di candidarsi a destra, in una destra in continuo sfaldamento. La sua eventuale candidatura a destra sarebbe un enorme vantaggio per l´Unione, ma a destra chi lo piglia? Incamerata l´elemosina di Loiero, che ha fruttato un “incaricuccio” al fratello, torna alla carica mettendo sul piatto della bilancia tutto ciò che non ha. Tra le varie opzioni, a 360 gradi, che viola ogni regola non solo della politica ma anche del buon gusto, c´è un´ipotesi che Corbelli non prende mai in considerazione, è quella di abbandonare la politica, che lo ha visto sfortunato solista di poche battaglie personali, sono convinto, che ormai il suo percorso politico è arrivato al capolinea, anche se era appena partito, è giunto il momento che torni a fare il difensore di qualche sfortunato calabrese o extracomunitario, casi di singoli scelti sulla sola base dell´eventuale risonanza mediatica, perche i grandi temi della politica e dello sviluppo, i problemi reali dei calabresi, l´occupazione, la casa, l´ambiente ecc. non gli sono mai appartenuti, forse perchè sono battaglie vere e difficili e non danno la stessa visibilità?