Ennesimo scandalo 488

L’ultima inchiesta della guardia di finanza sul territorio di Corigliano, già martoriato dalle vicende Printec e Syntec anche queste con protagonista il direttore generale dell’ASI Lavorato, rappresenta l’ennesimo fallimento di una legge, la 488 che ha fatto solo danni, sperpero di risorse e arricchito qualche colletto bianco e certamente nessun lavoratore in tuta o camice. Bisognerebbe riflettere sull’uso disinvolto delle risorse pubbliche e europee e sforzarsi subito e tutti per chiedere che la politica si impegni a spostare risorse e progetti sulle singole risorse umane e non sul sistema delle imprese che, in Calabria si è mostrato solo avido di acquisire soldi e lasciare macerie. Una possibilità sarebbe quella di eliminare totalmente la pratica del fondo perduto e del conto capitale e spostare risorse su finanziamenti a tasso 0% coperti cioè con eventuale intervento dello stato. Mentre interi nuclei familiari soffrono per mancanza di reddito in questa regione non è più possibile assistere all’arricchimento dei soliti furbetti che prendono i soldi e scappano. Cosa resta delle varie annualità dei POR? Sarebbe bello chiedere alla Comunità Europea di fare un viaggio alle nostre latitudini per vedere che fine hanno fatto i soldi europei e quanto sviluppo hanno portato. Se poi un buon investimento debba essere considerato qualche centrale Telecom e qualche call center, bè forse era il caso che questo se lo pagasse Tronchetti, magari con i soldi di Gnutti e di qualche altro del quartierino!!!!redfox