Gli spacconi

La destra approva un mostro costituzionale che solo il referendum può cancellare. Lo chiamano federalismo ma è un mix perverso di spinte secessioniste e di centralismodi Vannino ChitiLa destra ha varato il suo provvedimento per cambiare la Costituzione. Non mi sento di chiamarlo riforma: evitiamo tutti di farlo. È uno sfregio alla Costituzione. Quello che ne esce è un mostro istituzionale, una soluzione avventurista e confusa. Se entrasse in vigore snaturerebbe la nostra democrazia, la renderebbe incapace di funzionare, romperebbe la coesione sociale e istituzionale del paese.L’unica via d’uscita è bocciarlo al referendum. Il referendum deve rappresentare per i cittadini l’occasione di riappropriarsi della Costituzione, di liberarla dal vassallaggio nel quale la destra l’ha imprigionata, ancora una volta a suo uso e consumo. Per questo, oggi, la scelta prioritaria è quella del referendum. Dobbiamo concentrarci attorno ad esso, promuovendolo con la più vasta coralità: deputati e senatori, Consigli regionali, raccolta di firme tra i cittadini. Dice un vecchio proverbio: «Chi ben comincia è a metà dell’opera». E allora iniziamo bene, facendo indire il referendum sul progetto della destra da tutti i soggetti che hanno la facoltà di farlo. Non dobbiamo sottovalutare l’importanza e la difficoltà dello scontro politico che la destra ha voluto imporre al paese.Inonderanno i cittadini di bugie. Cercheranno di convincere che cambiare è bello, che dopo sessant’anni era necessario e la destra – solo lei – ci è riuscita. Diffonderanno il leit-motiv che “chi si oppone, conservatore è”. Cercheranno di evitare le valutazioni di merito sul provvedimento. Noi proprio su di esse, con semplicità, dovremo inchiodarli.Cominciamo dal metodo: la destra ha voluto costruire da sola lo stravolgimento di 53 articoli della Costituzione. Non solo votarli da sola: lo ribadisco, definirli da sola. Del resto questa forzatura unilaterale era il prezzo del patto con la Lega.Non vi sono precedenti per un tale modo di procedere. Nella passata legislatura il centrosinistra fu costretto ad approvare da solo la riforma del Titolo V e l’inserimento in Costituzione del federalismo. Si può discutere della giustezza di una tale scelta: è probabile che non lo fosse. Ma guai a fare confusione. La proposta di federalismo venne costruita insieme, maggioranza e opposizione, nella commissione bicamerale; fu condivisa dalla Conferenza delle Regioni e dalle Associazioni dei Comuni e delle Provincie. Unitariamente presidenti di Regione, di Provincia, sindaci – di destra e di centrosinistra – intervennero sui gruppi parlamentari perché la riforma venisse approvata. Su quella impostazione espressero un loro consenso sindacati, Confindustria, associazioni di impresa, del mondo della cultura e del volontariato. All’ultimo momento i gruppi parlamentari della destra si tirarono indietro: ma fu per il diktat della Lega, non per un dissenso nel merito delle scelte.Anche la riforma del Titolo V approvata dal centrosinistra aveva dei limiti e delle parzialità. Mancava, in primo luogo, il Senato federale, indispensabile in un ordinamento che sposta verso le Regioni e gli enti locali maggiori poteri legislativi e amministrativi, pena il venir meno di una sede istituzionale di costruzione responsabile e solidale dell’unità del paese.Il decreto del 2000, concordato con le Regioni, per l’avvio del federalismo fiscale, doveva tradursi in una legge organica. La definizione delle materie di competenza tra Stato centrale e Regioni presentava alcuni aspetti di manchevolezza e di eccessiva frammentazione, rendendo necessaria, anche sulla base dell’esperienza concreta, una più razionale riorganizzazione.La destra si è mossa in senso contrario, ampliando e esasperando le contraddizioni. Ha prodotto, lo ribadisco, un mostro istituzionale. Come altro si può definire un mix di federalismo al limite della secessione e di centralismo al limite dell’autoritarismo?Non è propaganda. Si veda il nuovo articolo 117. In esso la salute e l’istruzione sono ad un tempo definiti materie di competenza esclusiva dello Stato centrale, materie concorrenti e materie esclusive delle Regioni. Non basta per chiarire una confusione avventurista aggiungere, nei poteri riservati alle Regioni, una parolina: “organizzazione”.I confini sono indefinibili. L’esito non potrebbe che essere affidato all’esplodere di conflitti tra istituzioni, ai conseguenti rapporti di forza politici, al ricorso generalizzato alla Corte costituzionale. Paralisi e contrapposizioni porterebbero ad una crisi di tenuta del paese, alla divisione dei cittadini italiani rispetto all’istruzione e alle politiche per la salute. Cosa sia poi la competenza sulla polizia locale, nessuno lo dice e nessun lo sa.Il federalismo fiscale viene rinviato di tre anni. Il Senato sarebbe federale perché vi sono invitati senza diritto di voto – ospiti non so se graditi, certo impotenti – i presidenti di Regione e alcuni rappresentanti degli enti locali. Il processo legislativo nazionale tocca vertici di farraginosità, fino a risultare bloccato in una dialettica inconcludente e indefinita tra una Camera che dà la fiducia al governo e il Senato, non più titolare di quella fiducia, ma sostanzialmente dotato delle stesse competenze.Sminuito e insieme politicizzato il ruolo del presidente della Repubblica, che potrà salvare il governo dal veto del Senato, se “alleato” del presidente del Consiglio. Viene di nuovo introdotto il riferimento all’interesse nazionale ma impostato in termini negativi, di sfiducia verso le Regioni e antagonista nei loro confronti: in nome di esso un governo nazionale potrà bloccare leggi dei Consigli regionali e addirittura bocciarle con il voto del Parlamento in seduta congiunta. A rischio di forte politicizzazione la stessa Corte costituzionale.Ne viene così fuori un modello istituzionale sconosciuto sulla Terra: una sfida alla convivenza democratica e all’intelligenza. Non contenta di questo esito disastroso, la destra vi ha aggiunto una legge elettorale che colpisce la sua impostazione in un aspetto cruciale: il ruolo del primo ministro. Ai troppi poteri affidatigli dal progetto di stravolgimento della Costituzione, si aggiunge con la legge elettorale la sua consegna in ostaggio alla coalizione di partiti. Conti alla mano, chiunque alla Camera disponga di 31 deputati tiene in scacco il primo ministro, la maggioranza e la legislatura. La proposta della destra non è in alcun modo emendabile. Bisogna cancellarla con il referendum.E poi, in un Parlamento nel quale ci auguriamo il centrosinistra torni a essere maggioranza, riprendere con pazienza e serietà un cammino di aggiornamento di alcune parti della Costituzione. Aggiornamento non soltanto perché i principi guida della Costituzione sono immodificabili, ma perché i primi 11 articoli nei quali si sostanziano devono orientare in modo rigoroso e coerente ogni processo di riforma.Si tratterà di portare a compimento il rapporto tra Stato centrale, Regioni e autonomie locali; di riformare il sistema parlamentare, trasformando realmente il Senato in Camera federale; di assicurare la stabilità di legislatura alle maggioranze scelte dai cittadini al momento del voto; di garantire ovunque lo Statuto delle opposizioni.Per noi la Costituzione non si cambia a colpi di maggioranza, ma costruendo convergenze unitarie. Anche su questo sfidiamo la destra: introdurremo modifiche che impediscano alle sole maggioranze di riformare la Costituzione. E ci impegneremo perché anche sulle materie eticamente sensibili, si proceda con intese ampie, ben al di là dei confini delle sole maggioranze. Noi vogliamo dare vita a riforme serie: non siamo né saremo conservatori.Non ci pentiamo del federalismo: cambiamenti degli Stati nazionali, nel quadro della costruzione dell’unione politica dell’Europa, sono indispensabili e non solo per l’Italia. I processi di globalizzazione esigono un rinnovamento della democrazia: una sua capacità di realizzarsi ai livelli sovranazionali e di irrobustirsi a livello locale, come risposta a domande inedite, anche di identità, dei cittadini, di necessaria promozione delle potenzialità dei territori nella competizione mondiale.Sì, vi è bisogno, in Italia e altrove, di riforme serie. Le porteremo avanti noi, sconfiggendo intanto questo mostro istituzionale evocato dalla destra.