I fondi AVVOLTOIO

I fondi AVVOLTOIO” fondo avvoltoio (vulture fund) è un termine usato per gli speculatori che rilevano a buon mercato il debito dei paesi del terzo mondo, un debito che si può comprare a dieci centesimi per dollaro, perché nessuno conta di recuperarlo, e poi si servono della pressione politica, delle mazzette o dell’azione legale per cercare di riscuoterli,per recuperare non solo quello che hanno investito – nel caso dello Zambia, 3 milioni di dollari pagati da Mr. Goldfinger (lo speculatore Michael Francis Sheehan, proprietario della Debt Advisory International, nelle British Virgin Islands,ndt) – ma anche 40 milioni. Nel caso dell’avvoltoio numero uno qui a New York, Paul Singer, lui ha speso circa 10 milioni e si aspetta di ricavarne 400 dal Congo.Fonte:Democracy Now!( http://www.democracynow.org/article.pl?sid&#6107/02/15/1528209&mode&#61thread&tid&#6125#transcript )Data:15.2.2007Autore:Greg Palast – Amy Goodman*Titolo:Fondi Avvoltoio Sommario:Intervista di Amy Goodman a Greg Palast (tratta da un filmato)Traduzione:Bernardino Tolomei AMY GOODMAN: Sono Amy Goodman, qui con Greg Palast, che ha realizzato questo servizio su BBC Newsnight e Democracy Now! Ieri un giudice della High Court a Londra ha emesso una sentenza sul quesito se un “fondo avvoltoio” potesse esigere più di 40 milioni di dollari dallo Zambia per un debito rilevato pagando solo 3 milioni. Ci rivolgiamo per saperne di più a Greg Palast, reporter investigativo di BBC Newsnight, autore del bestseller Armed Madhouse. Benvenuto a Democracy Now! GREG PALAST: Sono contento di essere con te, Amy. Stiamo ancora aspettando che la corte renda noto l’ordine del giudice, ma non abbiamo dubbi che in osservanza alla legge britannica si ordinerà alla povera nazione dello Zambia di saldare il 100&#37 del suo debito a favore di questo fondo avvoltoio. Allora verranno negli Stati Uniti per cercare di incassare quei soldi. Ed è qui che entra in scena Gorge Bush. AMY GOODMAN:OK, comincia con il fondo avvoltoio, per quelli che non hanno familiarità col termine. GREG PALAST:Si, fondo avvoltoio (vulture fund) è un termine usato per gli speculatori che rilevano a buon mercato il debito dei paesi del terzo mondo, un debito che si può comprare a dieci centesimi per dollaro, perché nessuno conta di recuperarlo, e poi si servono della pressione politica, delle mazzette o dell’azione legale per cercare di riscuoterli,per recuperare non solo quello che hanno investito – nel caso dello Zambia, 3 milioni di dollari pagati da Mr. Goldfinger (lo speculatore Michael Francis Sheehan, proprietario della Debt Advisory International, nelle British Virgin Islands,ndt) – ma anche 40 milioni. Nel caso dell’avvoltoio numero uno qui a New York, Paul Singer, lui ha speso circa 10 milioni e si aspetta di ricavarne 400 dal Congo. AMY GOODMAN:Spiegaci chi è questa gente. GREG PALAST:Chi sono…in questo caso, per esempio, Paul Singer è al momento il principale finanziatore di Gorge Bush&#59 nell’ultima campagna ha donato più di un milione e mezzo di dollari. E’ il principale raccoglitore di fondi per Rudy Giuliani, ha raccolto di recente 15 milioni per la sua campagna presidenziale. E un miliardario, controlla un fondo di 7 miliardi di dollari, ed è chiaramente molto vicino all’amministrazione Bush, che per lui è assolutamente indispensabile in questo tipo di affari. AMY GOODMAN:Perché? GREG PALAST:Per la legge americana, il presidente ha il potere assoluto di impedire ad ogni fondo avvoltoio di raccogliere soldi dai paesi poveri, in forza della Costituzione americana. Si chiama “power ofcomity”. I paesi africani si stanno appellando a Bush perché impedisca questa raccolta ai suoi grandi finanziatori. Ora quello che succede è che Bush, nel discorso sullo Stato dell’Unione, ha detto che dobbiamo alleviare il debito ai paesi più poveri. I contribuenti americani stanno raccogliendo più di un miliardo di dollari per cancellare il debito delle nazioni africane, ma quello che Bush non dice è che lui sta facendo in modo che quei soldi siano intercettati dai suoi grandi finanziatori, come Paul Singer, cosicché i soldi destinati all’alleggerimento del debito non va ai paesi africani. Dove ne hanno un bisogno disperato, lo sai, per i farmaci per l’AIDS, per l’educazione, tutto quello per cui erano stati destinati. Questi signori vanno davanti alle corti americane e dicono: “Dateci i soldi”. Ora, ripeto, Bush ha tutto il potere, ed i giudici aspettano che lui scriva un ordine, dicono: “George Bush può chiederci di risolvere questo caso in un minuto, ma abbiamo bisogno di qualcosa di scritto dalla Casa Bianca”. AMY GOODMAN:Alla fine del 2005 lo Zambia annunciò che gli USA avevano accettato di cancellare i debiti a carico dello Zambia per 280 milioni di dollari. Cos’è successo allora lo scorso anno? GREG PALAST:Be’, un bel colpo per il contribuente americano: noi paghiamo 280 milioni, lo Zambia risparmia circa 40 milioni di interessi. Il problema è che l’avvoltoio ricorre in tribunale a Londra e poi usa la sentenza di Londra per venire negli Stati Uniti a prendersi i 40 milioni dal conto che il governo dello Zambia ha negli Stati Uniti, così i soldi non arrivano mai in Zambia, e comunque non possono esseremai usati dallo Zambia per comprare medicine ecc. AMY GOODMAN:Il tizio che tu fermi mentre sta passeggiando, Michael Sheehan? GREG PALAST:Si, Michael Sheehan, nel suo sito lui usa il nome “Goldfinger”, e spende i suoi soldi in fantastiche Cadillac e cose simili, hai visto che ha una grande villa in Virginia. L’altro aspetto che abbiamo voluto evidenziare è che questi avvoltoi possono agire così non solo perché hanno un appoggio politico, ma in questo caso sono stati pagati anche 2 milioni di dollari per quello che lui chiama beneficenza al presidente dello Zambia. E devo dire che mentre l’amministrazione Bush non si muoveva, il Dipartimento della Giustizia mi ha chiesto di fornirgli informazioni, perché è contro la legge dare mazzette ai presidenti stranieri per ricavarne questo tipo di guadagni.Ma Bush potrebbe mettere fine a tutto questo domani mattina: tutto quello che deve fare è di firmare un pezzo di carta che dice chel’alleggerimento del debito va alla nazione, non va agli avvoltoi, e per i tribunali questo basterebbe. AMY GOODMAN:Pensi che lo farà? GREG PALAST:Lo abbiamo chiesto in continuazione alla Casa Bianca. Abbiamo chiamato Downing Street. Il governo britannico é del tutto categorico che i soldi non dovrebbero andare agli avvoltoi. Dovrebbe andare al popolo dello Zambia, al popolo del Congo e ad altri popoli africani che soffrono. L’amministrazione Bush è stata completamente zitta. Non riusciamo ad ottenere una risposta. Sono restato fuori della Casa Biancacercando di avere una qualche risposta.Voglio dire, prendi il tizio che usa il nomignolo Goldfinger, ha incaricato la società di Jack Abramoff (lobbista e affarista americano implicato, e riconosciuto colpevole, in molti scandali politici, ndt) per fare pressioni. Questi tizi stanno riscrivendo le leggi, per esempio nello stato di New York, per rendere più semplice, attraverso l’azione di lobby, prendersi i soldi dell’Africa. Hanno una presa politica tremenda&#59 stiamo parlando, ricordati, del principale finanziatore di Bush, del principale finanziatore di Giuliani, Hanno assunto un peso massimo dei lobbisti, come lo società di Abramoff, e stanno perfino, almeno in un caso, facendo pagamenti molto discutibili, per corrompere i governi dell’Africa. AMY GOODMAN:E gli effetti sul territorio in Zambia? GREG PALAST:Terribili, perché questi 40 milioni erano destinati specificamente per la lotta all’AIDS, dove c’è un tasso del 20&#37 di HIV/AIDS tra gli adulti, e per l’educazione. 300.000 scolari non potranno andare a scuola per questo, a meno che Bush non intervenga. Quello che è terribile è il tipo di imbroglio che ne sta venendo fuori: c’è un presidente degli Stati Uniti che nel discorso sullo Stato dell’Unione, davanti al Congresso dice: dateci i soldi dateci i miliardi per cancellare il debito. Poi li mette nel bilancio, senza che nessuno dica che , in realtà, non andranno in Africa, andranno ai suoi più grossi finanziatori, che li stanno prendendo al volo, intromettendosi nel gioco e comprandosi il diritto di riscossione e poi usando i tribunali americani e inglesi. Bush può fermare tutto questo domani&#59 il problema è che non sta agendo.Io so che il presidente del Congo è venuto in visita alla Casa Bianca, e l’avvoltoio, Paul Singer, ha messo in moto una campagna di discredito sulla stampa americana, su quanto questo orrendo presidente del Congo fosse un terribile marxista. Ne hanno fatto una specie di Hugo Chavez, per cercare di dissuadere Bush dall’ascoltarlo. Ma non è il governo corrotto, non sonoi tizi che mettono i soldi sui loro conti nelle banche svizzere, che pagheranno gli avvoltoi. Sono il popolo del Congo, il popolo dello Zambia. Questo è il problema. AMY GOODMAN:Greg Palast, grazie per essere stato con noi. Greg, reporter investigativo per la BBC, è autoredel bestseller Armed Madhouse e The Best Democracy Money Can Buy. * Amy Goodman è una giornalista investigativa e conduttrice radiofonica del programma Democracy Now! su Pacifica Radio.