I Giovani di IDV ai Ragazzi di Locri

Catanzaro, 28 aprile 2007Cari Ragazzi di Locri,la politica, in Calabria, ha fallito. Prima il centro&#45destra, guidato da Chiaravalloti, ed ora il governo Loiero, hannodisatteso, nei fatti, le molteplici esigenze di una regione come la nostra. Parlare di “immobilismo” della classe politicaci sembra una pura e semplice valutazione oggettiva.La Mafia, la disoccupazione, le carenze infrastrutturali, gli sprechi di denaro pubblico, il basso reddito procapite. Sonotante le problematiche che affliggono il nostro territorio. Ma, fino ad ora, non abbiamo visto alcun segnale di risposta edi impegno concreto, da parte dei nostri politici, affinché queste situazioni vengano combattute e risolte.Le accuse di &lt&ltpopulismo e demagogia&gt&gt rivolte, negli ultimi giorni, dal Presidente Loiero al Dott. Pippo Callipo sono,a nostro parere, intollerabili.Le parole del Cavalier Callipo sono state significative: &lt&ltNella società civile qualcosa sta cambiando . Un grossoaiuto lo possono dare le associazioni. Da soli nessuno conta nulla, ecco perché penso che sia indispensabile l’unionedei cittadini . E bisogna anche fare in modo che queste associazioni si mettano in rete, affinché si parli lo stessolinguaggio. . Dobbiamo dimostrare che la Calabria è diversa dai suoi politici&gt&gt.Forse il processo di riforma civile è partito. Le dichiarazioni degli ultimi giorni del Cavaliere hanno smosso un po’ leacque.È arrivato, secondo noi, il momento di “fare rete”.Il percorso è comune. L’obiettivo è uno e chiaro: la rinascita civile e sociale della Calabria.Il primo avvertimento che, da più parti, vi hanno rivolto è stato: “Siete ragazzi. Attenti a non farvi strumentalizzare”.Bene, noi non corriamo questo pericolo in quanto, come voi, siamo giovani. Solo che, a differenza vostra, per arrivarealla tanto sperata rinascita civile della Calabria, abbiamo scelto la strada della politica, e lo abbiamo fatto attraversoquel partito, l’Italia dei Valori, che si basa su principi quali la legalità e la giustizia, bisogni primari della nostraRegione, e partendo dalla consapevolezza che la politica, se realmente si vogliono cambiare le cose, è una tappaobbligatoria.È lì il potere. Possiamo protestare, manifestare e dibattere quanto vogliamo, ma corriamo il rischio di contare poco.Fino a quando continueremo a pensare di voler restare fuori, di non volerci sporcare le mani, lasceremo a coloro chenon hanno scrupoli, la possibilità di fare i loro interessi ed il male comune.A nostro parere, dobbiamo smobilitare tutte le persone di buona volontà della società calabrese, il mondodell’associazionismo, tutte le persone valide della nostra regione, in testa Pippo Callipo, e raggrupparci e collaborareattivamente per il raggiungimento degli obiettivi sperati: il bene della Calabria e dei suoi cittadini.Dobbiamo essere noi giovani, prima di tutti, come ha detto Pippo Callipo &lt&lta prendere coscienza, a credere nelle sceltepolitiche vere, a chiedere conto alla politica sui soldi che si spendono, partecipando ai dibattiti e alle associazionisenza remore, senza paure, senza inginocchiarsi. I giovani facciano vedere la loro presenza&gt&gt.Noi abbiamo intenzione, insieme a voi e a tutte le altre associazioni di giovani calabresi, di intraprendere una nuovastrada. A partire dall’antimafia, dobbiamo costruire una Calabria migliore. Insieme siamo più forti.Matteo LamannaSegretario ProvincialeGiovani Italia dei Valori di CatanzaroIl nostro Sito: http://amicididipietro.megablog.itI nostri contatti:Matteo Lamanna, Segretario Provinciale dei Giovani di Italia dei Valori di CatanzaroMartino Vergata, Coordinatore Provinciale dei Giovani di Italia dei Valori di Catanzaro