IL COMUNE DI ORSOMARSO SI FA PROMOTORE DI UN PROGETTO INNOVATIVO SUL MERCATO VOLONTARIO DEI CREDITI DI CARBONIO

di Greta Durante

IL COMUNE DI ORSOMARSO SI FA PROMOTORE DI UN PROGETTO INNOVATIVO SUL MERCATO VOLONTARIO DEI CREDITI DI CARBONIO

 

Grande soddisfazione è stata espressa dal sindaco del Comune di Orsomarso, Antonio De Caprio, per i risultati emersi dall’incontro tenutosi ieri presso la Sala Verde della Cittadella Regionale di Germaneto.

Il comune dell’alto Tirreno cosentino, che ricade nel territorio del Parco del Pollino, ha preso parte al workshop promosso dall’Ente regionale sul PSR Calabria 2014/2020 dal titolo “Cooperazione per l’innovazione”, che aveva in oggetto proprio la conoscenza di nuove proposte di trasferimento tecnologico per il miglioramento competitivo delle aziende agricole.

Tra le proposte avanzate, grande interesse è stato rivolto da parte dei presenti a quella illustrata dal Comune di Orsomarso che, nell’ambito delle misure 16.1 e 16.2 del PSR Calabria 2014-2020, ha promosso un’innovativa idea progettuale incentrata sul mercato volontario dei crediti di carbonio.

Oggi, il mercato volontario dei crediti di carbonio rappresenta una nuova e importante realtà economica per le aziende, i singoli privati e le istituzioni locali che, nella volontà di compensare le proprie emissioni, trovano un impegno etico e ampie opportunità di marketing collegate a investimenti di tutela delle risorse agro-forestali.

Idee innovative che, attraverso il coinvolgimento delle amministrazioni locali e delle piccole e medie imprese, sono capaci di attivare un meccanismo virtuoso di economia sostenibile su aree sottoposte a vincolo, che nell’ambito del redigente Piano di gestione forestale ha introdotto un’innovativa soluzione di green economy alternativa rispetto alla classica concezione di bosco legata alla sua componente legnosa.

Il progetto, dal titolo “Carbon Stock Market”, registra il coinvolgimento di prestigiosi partner tra cui: il Dipartimento di Agraria dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria; l’istituto ISAFOM del CNR; l’Università della Calabria; l’Ente Parco Nazionale del Pollino; la Confederazione Nazionale degli studenti di Scienze Forestali “AUSF Italia”; il Consorzio di Certificazione Forestale PEFC Italia; il Consorzio NET Scarl, polo di innovazione tecnologico per natura e territorio; il CAA Liberi Agricoltori, quale associazione rappresentativa di categoria delle imprese agro-forestali.

Prezioso il contributo espresso dal sindaco Antonio De Caprio e dalla sua amministrazione, coadiuvati durante l’iter progettuale dal Dottore Forestale Adriano Ganino di Martirano Lombardo (CZ) e dal Dottore Agronomo Carmelo La Spada di Barcellona Pozzo di Gotto (ME).

Durante un’apposita tavola rotonda, tenutasi nel corso del programma pomeridiano dell’incontro, il sindaco De Caprio ha manifestato il proprio auspicio all’avvio di un progetto di sviluppo sotto forma di modello di riferimento, che veda l’introduzione di soluzioni innovative capaci di valorizzare il patrimonio forestale che l’Ente ha a sua disposizione con un’innovativa soluzione di green economy, che consenta di far esprimere le funzioni alternative del bosco in una nuova chiave di sviluppo sostenibile del territorio calabrese.