Il Governatore ci rassicura sui fondi comunitari

Loiero: tutti impiegati i soldi di agenda 2000Il Governatore ci ha rassicurati, i fondi comunitari saranno tutti impiegati, e che nessun Euro sarà disimpegnato dall’Unione Europea, come si temeva. Certo la notizia ci rassicura, l’amministrazione Loiero ha fatto meglio di tutte le altre, ha trovato il modo di impiegare tutti i fondi comunitari destinati alla nostra Regione nel “sestennio” 2000-2006 quasi 25.000 miliardi del vecchio conio. Nelle stesse pagine dei Quotidiani che riportavano queste tranquillizzanti esternazioni, l’Eurispes snocciolava dati a dir poco preoccupanti sullo stato di salute dell’economia Regionale, in particolare sull’incremento del numero delle famiglie calabresi che rientrano nella cosiddetta soglia di povertà. Le due notizie apparentemente sono slegate, ma non può sfuggire all’attenzione del lettore il contrasto evidente e stridente tra i due dati, partendo dal presupposto della buona fede delle due fonti una prima conclusione magari affrettata porterebbe a dire che i conti non tornano. In realtà mettendo mano alla calcolatrice, facendo i conti della massaia, iniziano le sorprese; ogni cittadino calabrese ha avuto a disposizione da parte di agenda 2000, i fondi POR per capirci, circa 6.300 Euro. La cifra apparentemente esigua assume importanza in un contesto di famiglia o più generale, quello dei grandi numeri, somme notevoli che avrebbero dovuto contribuire allo sviluppo economico-sociale del territorio. Ebbene invitiamo il Governatore, forte dei suoi assunti, a scendere in strada e a chiedere all’uomo della strada quali sono stati i benefici conseguenti all’impiego dei fondi comunitari; in tema di miglioramento di infrastrutture, di formazione, di occupazione, di sviluppo turistico, di servizi sanitari, o della qualità della vita. La chiara percezione e che nessun beneficio o miglioramento ci sia stato e su questo l’analisi Eurispes ci conforta, anzi ci sconforta. Tutti allora si chiederanno a chi sono andati i 6.300 Euro di competenza procapite? La domanda la giriamo al Governatore, dal quale ci aspettiamo una risposta chiara. Da parte nostra proviamo ad indovinare, ritenendo i beneficiari i soliti marpioni coloro che bivaccano-collusi con la politica, destinazione? Il classico “follow the money” inglese porterebbe a Medellin oppure in Svizzera, oppure ancora se ne può trovare traccia in Villaggi e strutture turistiche, grande distribuzione, investimenti immobiliari, polvere bianca e auto di lusso per i giovani rampolli o per faccendieri in carriera, quelle che Prodi ha risparmiato dalla tassazione. Ad indovinarci, non è un gran merito e non ci vuole neanche la classica Zingara, a tutti gli altri calabresi non resta che vivere gli stenti di una quotidianità sempre più avara di soddisfazioni.Giorgio Durante Presidente Calabrialibre