LA CAPITALE DEGLI STUDI SULL’EUROPA È IN CALABRIA

LA CAPITALE DEGLI STUDI SULL’EUROPA È IN CALABRIA

Nel Palazzo Rinascimentale di Aieta, partirà la V Edizione della Summer School “Giornate d’Europa”

di Caterina Spina

Anche quest’anno, dal 27 Luglio al 2 Agosto, il Palazzo Rinascimentale di Aieta (CS) si prepara ad accogliere studenti e giovani laureati per la V Edizione della Summer School “Giornate d’Europa”.

L’associazione Centro Rinascimento, con sede a Cosenza e ad Aieta, dopo aver intessuto una fitta rete di relazioni nazionali e internazionali per un unico progetto di studi europeisti, promuove l’iniziativa con l’intento di formare i nuovi cittadini europei.

La Summer School prevede lezioni di diritto, storia, economia, sociologia, tenute da prestigiosi docenti universitari, autorità nel campo della storia e dell’integrazione europea, alcuni ad Aieta per la prima volta, ma tanti altri che desiderano tornare puntualmente nel centro collinare, come appuntamento fisso, diventati ormai “gli amici della Summer School”, che danno corpo, insieme agli organizzatori, allo staff, al Gruppo Giovani costituito lo scorso anno, alle istituzioni, ad un miracolo che si ripete nel nome della cultura, che parte da un piccolo centro del sud per raggiungere i luoghi accademici e istituzionali più esclusivi dell’Europa.

“Giornate d’Europa” prende spunto dall’operato degli intellettuali del Gruppo di Coppet che, riuniti intorno alla figura di Madame de Stael, tessevano la tela del primo spirito europeista. Sul Lago Lemano, a cavallo tra il XVIII ed il XIX secolo, il piccolo centro di Coppet diventò luogo di critica al pensiero napoleonico, statalista e centralizzato, e diventò cenacolo di riflessione sull’integrazione attraverso le riforme, il federalismo, la valorizzazione delle differenze, lo sviluppo di un nuovo modello industriale, la nascita di una nuova società.

Un’Europa, quella sognata e delineata già da Sismondi, Constant, Byron, Shelley, Stendhal, capace di coraggiose proposte, di crescita economica e floridità culturale. Le idee del Gruppo di Coppet e la lungimiranza riformatrice e pacifista di Ventotene, danno il via al percorso che i giovani della Summer School portano avanti. Aieta come Coppet, dal Castello di Madame de Stael al Palazzo Rinascimentale: la costruzione di un cammino di altissimo valore formativo è lo scopo che ci si propone, ancora una volta con rinnovato entusiasmo, secondo l’impostazione data dall’ideatore, il giornalista Gennaro Cosentino, presidente del Centro Rinascimento e dal confronto con il Comitato Scientifico che sovrintende all’Università Estiva di Aieta.

Nell’ambito dei corsi della Summer School vengono ripresi i temi del Manifesto di Ventotene, “Per un’Europa libera e unita. Progetto d’un manifesto”. L’Europa ha senso e valore se riesce ad avere un ruolo politico e di pace. L’Europa unita, “affratellata”, è nata appunto come desiderio di pace, e oggi lo spirito dei padri fondatori sembra essere ormai lontano, con la prevalenza, al contrario, delle banche, dei numeri, della burocrazia, dei muscoli di alcuni Stati a discapito di altri. Ecco, l’Europa che i giovani vogliono è un’altra, quella della cultura delineata a Coppet e quella della pace e dei popoli propugnata da uomini lungimiranti come Sandro Pertini, Luigi Longo, Umberto Terracini, Pietro Secchia, Eugenio Colorni, Altiero Spinelli, Ernesto Rossi, nell’isola di Ventotene.

Esempi messi poi in pratica dall’impegno di grandi statisti del secondo dopoguerra, padri dell’Europa e garanti del ritrovato percorso di pace. Non a caso, il tema di questa quinta edizione è “Europa Nonostante – L’Unione tra propositi e attese deluse”, col desiderio di formare i nuovi cittadini europei partendo dal basso per far conoscere al numero più ampio possibile di giovani l’evoluzione storica dell’Europa, al fine di essere e sentirsi cittadini europei protagonisti, secondo quegli ideali che animarono gli ispiratori del Manifesto di Ventotene, andando oltre il populismo e l’attuale sfiducia nei confronti delle Istituzioni europee.