La società civile si organizza

In un momento politico di poca chiarezza, e soprattutto di crisi morale diffusa dalle Alpi a Lampedusa. la società civile si indigna, alza la testa e non solo reagisce ma si dimostra in grado di assumersi le sue responsabilità, confrontandosi con la politica anche sul piano elettorale. Consci dei potenti mezzi messi in campo dalla Politica per mantenere il potere e con esso la gestione delle risorse pubbliche, basta vedere l’indecorosa corsa all’affissione di tutti i politici uscenti che ancor prima della presentazione delle liste spendono migliaia di euro per  promuovere la loro immagine,  euro guadagnati  immeritatamente quanto non illegalmente, nella legislatura che va concludendosi. Non è questo un giudizio qualunquista di una società civile disinformata, abbiamo i dati, sugli stipendi, sui benefit, sui “mantenuti”  del concorsone vecchio e nuovo, dei portaborse, dei consulenti ecc. ecc, i dati delle varie relazioni, de Sena in primis, corte dei conti, le evidenze di decine di processi in corso, ma soprattutto l’evidente ed innegabile immobilismo di tutti i settori dell’economia e dei servizi, in condizioni da terzo mondo, un esempio per tutti  la Sanità, Il buco nero della Calabria debito shock da 1,7 miliardi, recita un titolo del giornale Repubblica, che di destra non è, sorvoliamo sulle condizioni dell’ambiente, tanto fresche sono le immagini di intere colline che si muovono, osservate dall’alto degli elicotteri da una politica incapace a far fronte a qualunque tipo di intervento programmato, ma nello stesso tempo famelica di risorse, che arrivano copiose in conseguenza di eventi catastrofici. In questo desolante quadro nella scorsa estate è nata la proposta di candidatura della società civile calabrese di Callipo. La rottura degli schemi di trasversalismo e trasformismo della politica professionista è parsa subito a tutti l’obiettivo principale in un momento di assoluta emergenza sociale, morale, economica e strutturale, ciò è emerso palesemente nell’incontro della casa delle culture del 22 scorso. Da qui la decisione di proporre una serie di nomi, di cittadini da inserire nella lista “io resto in Calabria” del candidato presidente Pippo Callipo. All’incontro sono intervenuti, Silvio Gambino (Coordinatore Regionale Associazioni e movimenti), Giuseppe Pierino, Giorgio Durante, Antonio Palermo, Pietro Schirripa, personalità del mondo accademico, associativo e del giornalismo.