Quando un bimbo piange vuole esser amato

Quando un bimbo piange vuole esser amatoTommaso, Simone, Alfredino, non ricordo nomi InnominatiL´oblio, la fretta, la noncuranza, la disperazione, la depressione, il disamore, l´oggettificazione, la mercificazione ci consegnano all´oblio di un amore che non riconosce la carne della propria carne, il respiro del proprio respiro, il sangue del proprio sangueE intanto scorrono le pagine degli innominaticon lacrime e rabbia e disappunto e impotenzaFacciamo a cercare tutti i nomi dei bambini desaparecidos, i figli di qualunque donna e di qualunque uomo che sono spariti al mondo e NOMINIAMOLIche non ne rimanga alcuno non nominatoE´l´unica forza, del nome di ciascuno, che non li consegnerà all´oblio.Torniamo a riprenderci cura dei bambini, li stiamo condannando all´oblio.Il dolore è sordo per ogni bimbo che viene ucciso e per ogni uomo che uccide è forte la rabbiaper ogni uomo disonorato, reso spregevole dall´opinione pubblica incontrollata è muto il silenzio dei giudici.Piccolo Tommaso, non eravamo lì per te come non siam stati lì ogni volta che un bimbo è stato ucciso nella sua morbidezza e nel suo calore.Perdonaci.Melina Rende