Resistere, resistere, resistere.

La società civile alza il tiro, con l´incontro del 10 Febbraio a Lamezia, si gettano le basi di una serie di iniziative tese a ricostruire moralmente la nostra Regione, azioni di una società civile, ribelle e nello stesso tempo propositiva. Finalmente si passa dalle parole ai fatti, come fatti si faranno il 17 A Reggio, fatti importanti contro la malapolitica, contro la Ndrangheta, contro i poteri Forti. La presenza del Capogabinetto di Bova all´incontro lametino, è il segnale tangibile che quando la società civile si propone la politica presta attenzione, risponde, si gioca le carte della demagogia, delle lusinghe, delle promesse, dell´apertura. Da sempre la politica promette, ammicca, appena si accorge che c’è una parte della società che alza la testa, cerca il punto debole, per penetrarla, per tentare di fagocitare tutto e tutti. La presenza di importanti sigle sindacali, rappresentate ai più alti livelli, conferma la voglia di dialogo che c’è tra le diverse componenti della società, importanti sindacati schierati apertamente con le associazioni, e molto critiche nei confronti de governo regionale. L´incontro lametino segna il punto di partenza di un mondo associativo che reagisce, che non cede alle lusinghe dei poteri forti, che raccoglie importanti adesioni, che guarda con decisione e senza tentennamenti, agli obiettivi alti che si è data, resistere, resistere, resistere.Giorgio Durante