Rosa Villecco Calipari con Mastella

Nel nostra bella Italia capita sovente di leggere e/o ascoltare cose davvero paradossali. L?ultima in ordine di tempo ci viene offerta dalla senatrice dell?Unione Rosa Villecco Calipari che, a proposito del tentativo di Mastella di defenestrare il magistrato più scomodo d?Italia, non trova di meglio che affermare che ?questa si che è stata, semplicemente, una pratica di buona politica?. Complimenti. Ci vuole davvero stomaco a digerire una tale affermazione. Nemmeno il Suo collega Calderoli, che pure di porcate se ne intende, avrebbe saputo fare di meglio.Sicchè Lei, non scelta dal popolo ma da vecchie logiche di partito, mentre nella nostra Regione ed in altre parti d?Italia si assiste alla ribellione pacifica e democratica di decine e decine di migliaia di persone che non sopportano l?ennesima ostentazione del potere e si mobilitano con ogni mezzo per fare sentire la propria voce, raccolgono firme a sostegno di un magistrato che ha il solo torto di fare il proprio dovere senza ossequiare né guardare in faccia a nessuno, Lei non trova di meglio che dichiarare spudoratamente il suo sostegno all?azione politico/giustizialista di Mastella. E per farlo si maschera dietro quella misera misera affermazione ?sono di sinistra e per questo garantista?. Evidentemente abbiamo un diverso modo per affermare l?appartenenza a sinistra.Per dirla alla Moretti, ce la dica davvero una cosa di sinistra e ci dica anche in questi mesi di frequentazione al Senato cosa ha fatto di sinistra, di quali iniziative di legge di sinistra si è fatta promotrice.Anche io sono di sinistra. Una volta avrei detto ?sono più a sinistra di te?, ma erano altri tempi. E sa perché posso tranquillamente affermarlo? Per una ragione semplice semplice: io sono uomo libero e posso manifestare liberamente le mie idee. Non ho, a differenza Sua, né padrini né padroni, non devo prendere alcuna difesa d?ufficio.Sarà un caso, ma che combinazione, che De Magistris ha toccato qualche nervo scoperto appartenente anche alla Sua corrente politica¬¬ e Lei si è sentita in dovere di schierarsi (ahinoi dalla parte sbagliata)? Invece di indignarsi per il Consiglio Regionale dove siedono decine di indagati (pare addirittura 32) o per il fatto che le Procure maggiormente esposte non hanno nemmeno i soldi per acquistare una semplice risma di carta ed i vari Sostituti vi soggiornano per qualche mese e poi vengono subito trasferiti, Lei si schiera con il Ministro dell Iingiustizia.Una pratica di buona politica, per usare parole Sue, sarebbe stata quella di sostenere con fatti concreti le persone e le Istituzioni che con mezzi assolutamente inadeguati combattono la MalaVita e la MalaPoliticaOra che è stata ancora una volta estratta dal cilindro e si trova a capeggiare il PD a Reggio Calabria, abbia il coraggio delle proprie idee e le vada a sostenere giovedì sera all?auditorium di Catanzaro durante la diretta TV della trasmissione ?AnnoZero? anziché trincerarsi dietro uno striminzito comunicato stampa. O, se preferisce, scelga la piazza di Locri o le sedi periferiche disagiate dei Tribunali e delle Procure.Ma questo è chiedere troppo ad una persona che a parole si professa di sinistra.Paolo GrecoP.S.: Lei è stata eletta anche grazie al mio voto ma Le assicuro che mi sono ravveduto.