Sabato alle 17,00 tutti alla Casa delle culture CS

Comunicato Stampa 8 Novembre 2006Spinti dalla voglia di non rassegnarsi, di non cedere le armi di fronte alla ‘ndrangheta, ai poteri forti e affaristici che pervadono la politica, la cosa pubblica e la società tutta, guardiamo con speranza ai movimenti giovanili di Locri e di Lamezia Terme e alla nascente Rete per la Calabria, e ci vogliamo interrogare sul cosa fare concretamente.Vogliamo uscire dalla cultura della demagogia e della rassegnazione per provare a ragionare, a elaborare idee e proposte che possano rappresentare un contributo per il cambiamento.Siamo certi che si debba partire dalla politica, quella con la P maiuscola che deve tornare a governare il bene della collettività.Perché ciò sia possibile, dobbiamo mettere all’ordine del giorno della nostra agenda individuale due priorità:1. la costruzione di una grande alleanza come società civile, per creare il cambiamento, in quanto abbiamo smesso di credere che la politica si possa autoriformare da sola e perché il processo di rinnovamento della politica è complesso e richiede più spinte propulsive.2. il cambiamento delle regole che ordinano la politica: da come si scelgono i nostri rappresentanti nelle assise elettive, a come si formano le classi dirigenti nei partiti e nelle istituzioni.Da qui vogliamo partire per capire come si possa esercitare una cittadinanza attiva più incisiva per migliorare la politica e quindi la qualità della vita di tutti.Partiamo dalla forza del cartello delle Associazioni che ci ha visto impegnati con successo nella raccolta delle firme per il referendum costituzionale e da qui fare un appello alle tante associazioni e cittadini che sappiamo impegnati sui vari fronti della politica e del sociale, perché ognuno si assuma una responsabilità e un impegno ancor più forte e maggiormente condiviso.Vogliamo in pratica condividere un percorso operativo perché la modifica della legge elettorale avvenga in senso democratico e dalla parte del cittadino e delle cittadine&#59 perché si possano riscrivere le regole del funzionamento dei partiti, in modo da garantire l’etica e la responsabilità della rappresentanza e la partecipazione della base nelle scelte politiche.Per discutere di tutto questo, ci diamo appuntamento a sabato 11 novembre 2006 presso la Casa delle Culture di Corso Telesio, ore 17.00 , pensando che sia indispensabile il contributo di quanti vogliono trasformare l’indignazione in proposta politica.“Cittadini e politica: Riscriviamo le regole”