Schiaffi, schiaffi ed ancora schiaffi.

Sciaffi, schiaffi e ancora schiaffi, non passa giorno che la politica non fa sentire la sua voce nel punire i magistrati che si sono distinti in azioni che vedono coinvolti politici. Il CSM ha deciso così di trasferire la Forleo, mentre de Magistris invece di preparare le richieste di rinvio a giudizio, di politici corrotti, sta preparando la sua difesa sempre nelle aule del CSM. Ebbene diciamocelo con chiarezza, non nutriamo nessuna fiducia negli organi e nelle istituzioni oggi schierate contro i Magistrati più attivi e coraggiosi, ci assumiamo ogni responsabilità dicendo che oggi la nostra democrazia sta scrivendo una delle pagine peggiori del dopoguerra. Ci preoccupa soprattutto il silenzio del Quirinale un silenzio che sa di complicità e che ci lascia attoniti. Ci sentiamo offesi e sconfitti, ma la nostra sconfitta è quella di ogni cittadino che non è riuscito ad arginare uno straripante potere che tutto ha travolto e travolge, soprattutto la nostra giovane e gracile sistema democratico, ma il marcio è ormai uscito allo scoperto senza pudore. Mai più un voto a coloro che siedono in questo Parlamento, mai più rispetto alle istituzioni che in modo indegno hanno gestito le vicende giudiziarie di questi ultimi anni.