TRASFERIMENTO DE MAGISTRIS, INGIUSTIZIA E’ FATTA

ASSOCIAZIONI ANTIMAFIA CALABRESI: TRASFERIMENTO DE MAGISTRIS, INGIUSTIZIA E’ FATTAOggi il Consiglio Superiore della Magistratura, evidentemente appesantito in maniera determinante dalla sua componente politica, con la decisione della sua sezione disciplinare di disporre il trasferimento di sede ed il cambio di funzioni giudiziarie per il dr. Luigi De Magistris ha scritto una delle pagine più dolorose e ingiuste della sua storia.I componenti del Csm, presieduti dall’ex democristiano avellinese Nicola Mancino, anziché dare un segnale di coraggio e di dignità istituzionale, hanno deciso di chinare il capo pavidamente schierandosi dalla parte dei poteri forti.Quei poteri che De Magistris aveva inchiodato, per la prima volta nella storia della Calabria, alle loro immonde responsabilità di predoni e responsabili del latrocinio pluridecennale che aveva portato un fiume enorme di denaro nelle loro tasche, facendo scivolare la Calabria sempre più in basso nelle classifiche nazionali per disoccupazione, povertà, disperazione.Quei poteri forti che tramite alcuni rappresentanti giustamente inquisiti da De Magistris non hanno avuto remore a dire esplicitamente nelle loro losche telefonate che bisognava “farlo fuori”.E così oggi ingiustizia è fatta.Incredulità e sgomento sono i primi sentimenti che ci sentiamo di esprimere di fronte alla sentenza della sezione disciplinare del Csm. Questa condanna non solo ha il sapore della beffa, ma ci indigna nel pensare al ghigno di sollievo che nell’ascoltarla avranno avuto i ben noti personaggi pesantemente coinvolti nel sacco della Calabria.Anche se Luigi De Magistris dovesse aver commesso qualche errore formale, qualche imperfezione burocratica nelle sue procedure, riteniamo che molto più sereno e benevolo doveva essere il giudizio disciplinare, soprattutto in considerazione dell’enorme mole di lavoro svolta, con pochissimi mezzi, da questo giovane magistrato.Oggi invece questi possibili errori e queste umane imperfezioni sono stati presi, a nostro avviso, a pretesto per comminare una condanna non al metodo, come ci si vuole far credere, ma al merito delle inchieste.Noi tutti ci stringiamo attorno al dr. De Magistris, gli testimoniamo pubblicamente la nostra stima immutata e lo incitiamo a percorrere tutte le strade possibili per appellare questa iniqua decisione.Non lo faccia solo per il suo onore, lo faccia per tutti i calabresi onesti e per i centomila cittadini che hanno sottoscritto la petizione a suo favore.Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo&#59Sonia Alfano, figlia del giornalista Beppe&#59Rosanna Scopelliti, figlia del giudice Antonino&#59Aldo Pecora, portavoce di “Ammazzateci tutti”&#59Emiliano Morrone, direttore resp. “La Voce di Fiore” e autore di “La società sparente”&#59Giovanni Pecora, coordinamento “Rete per la Calabria”&#59Giorgio Durante, presidente “Calabrialibre”&#59Francesco Lo Giudice, Movimento del Sole,Francesco Saverio Alessio, Ass. Emigrati.it e autore di “La società sparente”&#59Francesco Precenzano, presidente “Gens”&#59Francesco Siciliano, legale associazioni antimafia calabresi&#59Gianfranco Saccomanno, legale associazioni antimafia calabresi e presidente Ass. “Città del Sole”