Una legge per le primarie

UNA LEGGE PER LE PRIMARIE PER UNA VERA PARTECIPAZIONE DI TUTTI I CITTADINI.Crediamo che l’attuale panorama politico nazionale, presenti una preoccupante situazione di stallo sul fronte della partecipazione e delle riforme . Infatti, l’imminente referendum per l’abrogazione dell’attuale legge elettorale , pare non abbia prodotto quella scossa che tutti i cittadini s’attendono dall’attuale Parlamento. Anche il dibattito politico sulla creazione di due grandi partiti contrapposti, non sembra decollare in nessuno dei due attuali schieramenti, e non coinvolge in alcun modo i cittadini. Pertanto, è giunto il momento che questi ultimi, “dal basso” facciano sentire adeguatamente la propria voce. Il primo passo , in questa direzione, non può che essere, quindi, rappresentato dalla possibilità di riappropriarsi pienamente di una vera libertà di scelta e di selezione dei propri rappresentati politici. Nell’auspicabile immediato ritorno ad un sistema elettorale in senso maggioritario , appare, quindi, indispensabile la istituzionalizzazione di uno strumento concreto come quello delle Elezioni PRIMARIE, che consenta , appunto, a tutti i cittadini di incidere concretamente nei processi decisionali e nei criteri di scelta dei futuri governanti. Ed ecco, allora, la necessità di una legge per le Primarie , unico strumento idoneo a rimettere in moto la partecipazione dei cittadini ed a far ritornare a volare alta la Politica. Uno strumento ,cioè, che consenta, a tutti i livelli, locali e nazionali, di poter scegliere DEMOCRATICAMENTE, ed in modo assolutamente TRASPARENTE, i propri consiglieri comunali, provinciali, regionali, il proprio Sindaco, il Presidente della Provincia , quello della Regione, per finire a deputati e senatori, senza scelte imposte “dall’alto”, da pochi uomini, nel chiuso di stanze lontane dalla gente, senza alcun coinvolgimento reale del popolo sovrano. Riteniamo che il momento sia maturo, e che, soprattutto, l’intero popolo italiano , con particolare riferimento a quello meridionale, debba assumersi le proprie responsabilità, divenendo primo protagonista di quest’irrinunciabile strumento e processo riformatore . Una straordinaria occasione, diviene , dunque, l’iniziativa legislativa popolare, messa in moto dal Comitato Nazionale per le Primarie. Quest’ultimo, infatti, nel Luglio 2004, depositando il titolo di una legge d’iniziativa popolare per l’introduzione delle PRIMARIE APERTE come metodo generale per la proposta e la selezione delle candidature per ogni elezione dei rappresentanti del popolo, ha innescato il conto alla rovescia per un definitivo cambiamento dell’attuale panorama politico. Di qui, l’inizio della raccolta delle firme di tutti i cittadini, affinché tale proposta con numeri ben maggiori rispetto ai 50.000 tecnicamente previsti, metta con le spalle al muro l’attuale sistema politico. Ecco , quindi, l’idea di una straordinaria spedizione, che come quella dei mille, ma con un alleato in più, rappresentato dall’intero popolo italiano, unisca, attraverso comitati diffusi su tutto il territorio nazionale, l’intera nazione in uno straordinario messaggio di cambiamento e di unità su una delle regole fondamentali della Politica , ossia UNA VERA PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA DI TUTTI I CITTADINI. Francesco Precenzano Presidente Associazione G.E.N.S e Coordinatore di CALABRIA PROTAGONISTA