Voti scomparsi, cresce lo scandalo

In seguito alla nostra denuncia, numerosi elettori, cittadini ed operatori elettorali, stanno venendo fuori con fatti a dir poco sconcertanti. Non passa giorno che non raccogliamo denuncie di presunte sparizioni di suffragi, spesse volte racconti circostanziati e ricchi di risvolti a dir poco grotteschi. Noi non sappiamo dove sia stato l´errore e se dolo c´è stato, ma i fatti riferiti sono di una gravità inaudita. Le pressioni dentro e fuori i seggi sono state enormi, la qualità dei candidati, senza voler fare di tutta l´erba un fascio, è quella denunciata a suo tempo da Nicola Adamo, l´apparato elettorale è stato scelto dai partiti, tra coloro che si sono più distinti per dinamismo ed intraprendenza. Di fronte a tutti questi elementi un minimo dubbio sulla correttezza del voto verrebbe a tutti. Queste, probabilmente, sono, pure, le ragioni che hanno indotto la Procura, su nostra sollecitazione ad aprire un fascicolo contro ignoti. Noi ci auguriamo che tutto finisca in una bolla di sapone, ma siamo sempre in attesa di sapere il destino dei voti postati nelle urne, di alcuni dei quali abbiamo avuto la certezza della corretta esecuzione tecnica, non vorremmo che come le scatole dei maghi anche quelle scatole di cartone, con il logo della Repubblica Italiana impresso sopra, abbiano avuto un doppio fondo, per tirar poi fuori, come solo i maghi sanno fare il coniglio o la colomba.Ma l´affaire sta assumendo aspetti oltre che politici anche di gossip, mariti che perdono la fiducia nelle mogli il cui voto non è “uscito”, una sorta di scappatella elettorale, famiglie intere che si allontanano per il verificato alto tradimento, amicizie ed amori spezzati, da voti promessi e non attribuiti. Tutto questo accade non a caso dove la politica è diventata una specie di “Stramilano” dove l´importante è partecipare aldilà dei contenuti, e come ogni tanto accade alla Stramilano qualcuno, magari, si fa tirare la volata dalla motocicletta dell´organizzazione.Giorgio Durante Presidente Calabrialibre